Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il problema della credibilità delle politiche pubbliche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Premessa Un approccio particolarmente suggestivo al tema della credibilità delle politiche pubbliche, è lo studio dell’evoluzione storica delle istituzioni di politica economica. Un lavoro in tal senso particolarmente interessante risulta essere quello di North e Weingast (1989): con riferimento all’Inghilterra del XVII secolo, i due autori dimostrano come, il tentativo di risolvere i problemi di credibilità e di incentivo della politica fiscale della Corona, sia stato un importante fattore alla base della Gloriosa Rivoluzione del 1688. La monarchia aveva infatti mantenuto fino ad allora importanti poteri di confisca che, uniti agli incentivi a rinnegare il debito pubblico in circolazione, avevano reso assai difficoltoso il finanziamento delle spese di guerra tramite l’indebitamento. Per superare questa impasse furono introdotte fondamentali riforme politiche. Nello specifico, fu creato un governo rappresentativo parlamentare a cui furono, tra l’altro, delegate le decisioni di politica fiscale (e quindi anche quelle relative alla politica del debito). In tal modo la discrezionalità di cui godeva la Corona prima delle riforme, venne limitata dagli interessi economici dei membri del Parlamento. In altre parole, usando una terminologia più appropriata, i due autori affermano che, così operando, venivano allentati i vincoli di incentivo e contemporaneamente aumentata la credibilità nel rimborso del debito sovrano. E in effetti i dati storici forniti da North e Weingast supportano tale tesi: nel decennio seguente i menzionati cambiamenti istituzionali, la Corona riuscì ad aumentare il debito da pochi punti percentuali a più del 40% del PIL, in un periodo di tassi di interesse decrescenti. Questi risultati, che risultano essere validi non solo per i regimi monarchici, ma anche per quelli democratici 6 , sono però solo una parte di un problema più complesso e articolato. 6 Partendo dalla constatazione che anche nei regimi democratici vi possono essere forti incentivi a ripudiare il debito pubblico già emesso, Persson e Tabellini (1994) mostrano come, in una democrazia rappresentativa, la delega dai cittadini alla legislatura possa contribuire ad aumentare la credibilità della politica fiscale.

Anteprima della Tesi di Lorenzo Tavazzi

Anteprima della tesi: Il problema della credibilità delle politiche pubbliche, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Bancarie, Finanziarie e Assicurative

Autore: Lorenzo Tavazzi Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4234 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.