Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il G8 a Genova nel confronto tra giornalismo tradizionale e informazione on-line

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 classificandosi agli ultimi posti in Europa, mentre il fenomeno dei settimanali era ormai “vasto e imponente” 23 . I rotocalchi (i più famosi erano Epoca, ispirato a Life, Settimo Giorno, Europeo e Il Mondo) riuscivano a soddisfare il desiderio di favole moderne dei lettori, con storie di famiglie reali, di miliardari e divi del cinema, facendo uso anche di un linguaggio più semplice e immediato, vicino alla realtà sociale anche quando l’argomento era la politica 24 . I cambiamenti internazionali che hanno caratterizzato la metà degli anni ’50 (la morte di Stalin, la conseguente distensione con gli Stati Uniti e il fenomeno dei Paesi Non Allineati), sono stati trattati dai giornali italiani con posizioni di estrema cautela. In sostanza in questo periodo il giornalismo italiano soffre ancora di una certa staticità e sudditanza verso la Democrazia Cristiana, ma è proprio in quegli anni che ricominciano gli investimenti degli industriali nella carta stampata, non solo tramite la pubblicità, ma anche con sovvenzioni dirette. Una grave mancanza di tutti i quotidiani indipendenti e anche di quelli di sinistra fu la carenza di pagine dedicate all’informazione economica e finanziaria, argomento importante negli altri paesi, ancora trascurato in Italia 25 . Un primo elemento di novità fu Il Giorno, fondato nel 1956, peculiare innanzitutto perché di proprietà di un’azienda di Stato, l’ENI di Enrico Mattei (fino a quel momento i quotidiani erano appartenuti a grandi gruppi economici privati). Le pagine di questo nuovo quotidiano erano divise in otto colonne anziché nelle classiche nove, in prima pagina (strutturata “a vetrina” e, per la prima volta, a colori) 23 Ibidem, pp. 90–91. 24 Ibidem, p. 92. 25 Ibidem, p. 137.

Anteprima della Tesi di Emanuela Mortari

Anteprima della tesi: Il G8 a Genova nel confronto tra giornalismo tradizionale e informazione on-line, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emanuela Mortari Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2485 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.