Skip to content

Personale in esubero in azienda

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Il contenuto dell’ Accordo del 1947, confluì nei due successivi: quello del 20 dicembre 1950, reso efficace erga omnes 5 anche ai lavoratori dell’azienda non iscritti alle associazioni sindacali stipulanti, e denominato esplicitamente “Accordo per i licenziamenti per riduzione di personale”, e quello del 5 maggio 1965, intitolato “Sui licenziamenti per riduzione di personale 6 ”. l’azienda provveda, entro un anno, a nuove assunzioni, dovrà riassumere i lavoratori licenziati precedentemente, idonei alle mansioni e specialità occorrenti”.Infine erano esclusi dalla procedura “i licenziamenti per fine lavoro sia nelle costruzioni edili, sia nelle industrie stagionali e saltuarie” Mazzoni, Anranguren, Papaleoni, Pera, Flammia, Fanfani, Auteri, Simi, Branca: “La riduzione di personale e la Cassa Integrazione Guadagni”. FRANCO ANGELI editore, 1980. 5 Reso efficace erga omnes con il D.P.R. 14 luglio 1960, n. 1019. Con sentenza dell’8 febbraio 1996, n.8, in Foro It. 1966, 201, la Corte Costituzionale aveva dichiarato costituzionalmente illegittimo il citato decreto, per eccesso di delega, nella parte in cui prescriveva l’obbligo di un preventivo procedimento di conciliazioni tra le organizzazioni competenti. 6 Nella premessa si può leggere che l’accordo stesso nasce “dall’intento di porre in essere uno strumento idoneo, che favorisca la collaborazione tra le loro organizzazioni e gli appartenenti alle categorie rappresentate, e contribuisca a risolvere pacificamente gli eventuali contrasti che i provvedimenti di licenziamento possono determinare nei rapporti di lavoro aziendali. Ciò nella considerazione che la presenza di personale in esubero determina aggravi nei costi di produzione, dannosi alla vita delle aziende e che, d’altra parte, il licenziamento di tale personale preoccupa dal punto di vista sociale, particolarmente in situazioni di disoccupazione”. L’importante differenza, rispetto all’accordo del 1947, consisteva nel fatto che la materia dei licenziamenti collettivi veniva sottratta alla competenza delle Commissioni Interne e affidata direttamente alle Organizzazioni sindacali dei lavoratori e degli industriali. L’ articolo 1 stabiliva che “qualora la direzione dell’azienda ravvisi la necessità di attuare una riduzione del numero dei lavoratori per riduzione o per trasformazione di attività o lavoro, ne darà preventiva comunicazione, tramite la propria Associazione territoriale alle Organizzazioni sindacali provinciali dei lavoratori, ai fini dell’eventuale espletamento della procedura di cui agli articoli successivi, indicandone i motivi, l’entità numerica dei lavoratori da licenziare e la data di attuazione. In aziende che occupino oltre 100 dipendenti, nel caso di sospensione di lavoro la cui durata sia prevista per più di 30 giorni che riguardino oltre il 20 per cento dei lavoratori occupati o comunque oltre 500 dipendenti, l’azienda, tramite la propria Associazione, ne darà comunicazione alle Organizzazioni dei lavoratori, precisandone i motivi, l’entità numerica e la durata presumibile”. Nel secondo articolo si precisano le modalità di espletamento della procedura consultiva: “Le organizzazioni provinciali dei lavoratori, potranno richiedere all’Associazione degli industriali, entro 7 giorni dalla data della comunicazione, un incontro allo scopo di esaminare i motivi delle predette riduzioni di personale sulla base delle informazione fornite dall’azienda e le possibilità concrete ed attuali di evitarle in tutto o in parte, anche mediante eventuali trasferimenti nell’ambito aziendale, senza costituire un carico improduttivo per l’azienda”. Fallita la procedura o comunque scaduto il termine massimo previsto (di norma 25 giorni dalla comunicazione ai sindacati dei lavoratori), il datore di lavoro poteva dar corso ai licenziamenti in conformità ai criteri di scelta già citati. A tale proposito occorre osservare come la Suprema Corte,a Sezioni Unite, con pronuncia del 27 febbraio 1979, n.1270, precisò che “i diversi criteri di selezione hanno all’inizio una pari dignità e che pertanto va
Anteprima della tesi: Personale in esubero in azienda, Pagina 10

Preview dalla tesi:

Personale in esubero in azienda

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Profeta
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Piero Gaggero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 244

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ammortizzatori sociali
cassa integrazione guadagni
licenziamento
liste di mobilità
mercato del lavoro
strumenti di politica attiva
esuberi di personale
legge n. 223-1991
eccedenze di personale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi