Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

A scuola da Aspasia: uomini e donne tra retorica e politica nell'Atene del V secolo a.C.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

anche Assioco venne accusato di empietà in questa circostanza e condannato a morte e alla confisca dei beni, come il nipote 14 .Egli fece ritorno ad Atene nel 407/6, come Alcibiade. Il demo di appartenenza di Assioco era appunto quello di Skambonide.L'unico altro Assioco di cui si ha notizia è il padre di Aspasia (è notizia concorde che fosse nativa di Mileto e figlia di un certo Assioco 15 ). Resta ora da domandarsi se si può considerare del tutto casuale che nel demo di Skambonide si concentrassero ben due nomi, Aspasios/Aspasia e Assioco, che non hanno altra attestazione in Atene per lungo tempo. Bicknell non lo crede. Egli fornisce una spiegazione della coincidenza trovando un possibile legame tra Mileto, città dalla quale provengono i nomi Aspasia ed Assioco, e la famiglia degli Alcmeonidi. Alcibiade il vecchio fu ostracizzato da Atene nel 460 a.Cr 16 .Seguendo l'indicazione di Tucidide, secondo cui egli sarebbe stato in amicizia con le famiglie più importanti di Mileto, (ejpithvdeioç toi§ç proestw§si tw§n Milhsivwn, VIII 17.2) Bicknell ipotizza che durante questo esilio egli si sia recato nella città dell'Asia Minore e qui si sia risposato. Il primo figlio nato dal nuovo matrimonio prende il nome dal nonno materno, Assioco.Il secondo figlio si chiamerebbe Aspasios nuovamente in onore di un membro molto stretto della famiglia, secondo Bicknell la stessa Aspasia in quanto sorella minore della moglie di Alcibiade. Passato il decennio dell'esilio, Alcibiade il vecchio avrebbe fatto ritorno in Atene con la moglie e i figli, portando con sé anche la nubile Aspasia, forse rimasta orfana del padre, morto di vecchiaia o nel corso del colpo di stato oligarchico del 455/454 a.Cr. durante il quale Mileto si rifiuta di pagare il tributo alla lega delio-attica e non compare per un anno nella lista dei contribuenti.Assioco e Aspasio, in quanto nati prima del decreto pericleo del 451/450 a.Cr. che escludeva dalla cittadinanza chi non avesse entrambi i genitori ateniesi, diventano cittadini a tutti gli effetti. Frequentando assiduamente la famiglia di Alcibiade, Pericle avrebbe incontrato Aspasia e di lì avrebbe avuto inizio la loro relazione.E' possibile che l'Aspasios figlio di Alcibiade il vecchio si fosse sposato in Atene e avesse chiamato un suo figlio Eschine.Questi a sua volta avrebbe chiamato il proprio figlio Aspasios, e costui sarebbe proprio l' Aspasios figlio di Eschine protagonista dell'iscrizione del Pireo. Questa ricostruzione, per quanto puramente ipotetica, rappresenta a tutt'oggi l'unica traccia per mettere a fuoco il contesto storico e sociale in cui Aspasia visse, e consentirebbe di spiegare l'incontro con Pericle alla luce di una normale frequentazione tra famiglie aristocratiche; la stessa caratterizzazione di Aspasia in quanto etera ne risulterebbe fortemente ridimensionata.

Anteprima della Tesi di Gabriella Freccero

Anteprima della tesi: A scuola da Aspasia: uomini e donne tra retorica e politica nell'Atene del V secolo a.C., Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gabriella Freccero Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5024 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.