Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lasik nel trattamento dell'ipermetropia. Aspetti clinici e medico-legali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 I vasi arteriosi episclerali e limbari hanno origine da rami delle arterie ciliari anteriori mentre il drenaggio venoso refluisce nelle vene episclerali (Marsh e Ford, 1980). La cornea è innervata da nervi sensoriali che hanno origine dalla branca oftalmica del nervo trigemino e dal sistema nervoso autonomo attraverso il ganglio cervicale superiore. L'innervazione sensoriale avviene attraverso i nervi ciliari lunghi che si ramificano nella porzione esterna delle coroide nei processi dell'ora serrata. Alcuni rami entrano nella sclera e si distribuiscono ampiamente nella porzione anteriore della sclera, del limbus e del trabecolato, ma la maggior parte arriva nella porzione centrale dello stroma corneale come fibra nervosa mielinica. La guaina mielinica viene persa nei primi 2-3 mm di cornea periferica, quindi le fibre subiscono numerose divisioni ed interconnessioni all'interno del tessuto stromale. I nervi diventano tanto più esili quanto più si avvicinano alla porzione centrale della cornea. Le fibre formano un primo plesso nervoso a livello della membrana di Bowman ed un secondo plesso a livello epiteliale. I filamenti nervosi sono distribuiti sotto e tra le cellule dello strato basale dell'epitelio. La maggior densità di terminazioni libere è stata osservata a livello dello strato di cellule poligonali mentre la membrana di Descemet e l'endotelio non contengono fibre nervose nell'uomo (Mawas, 1951). IPERMETROPIA L'ipermetropia è comunemente considerata come un vizio refrattivo che consente una buona visione per lontano e una cattiva o comunque difficoltosa visione per vicino. In effetti, in relazione all'entità di questa ametropia le persone che ne sono affette possono non accorgersi del difetto fino a che la loro capacità accomodativa riesce a compensare il vizio refrattivo, che diverrà evidente prima per vicino e poi anche nella visione per lontano non appena questo sforzo accomodativo diventa insufficiente. E proprio per questo motivo

Anteprima della Tesi di Diana Bonuccelli

Anteprima della tesi: Lasik nel trattamento dell'ipermetropia. Aspetti clinici e medico-legali, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Diana Bonuccelli Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4207 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.