Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il dibattito museologico dal dopoguerra agli anni sessanta e i suoi esiti nella cultura legislativa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 di vero acciaio lucidato a specchio, in cui la staticità dell’immagine riprodotta era in continuo contrasto con l’immagine del mondo riflesso. Un altro aspetto della cultura di quegli anni da prendere in considerazione è il cinema. Infatti anche qui come in letteratura si era diffuso, a partire dal dopoguerra, il Neorealismo. L’agognata libertà d’espressione dopo vent’anni di dittatura fascista, la simultanea maturità di alcuni cineasti geniali, la scarsità di mezzi e la necessità di girare per le strade, dato che gli studi di Cinecittà erano occupati dai profughi, furono tra gli elementi che diedero l’impulso al definitivo sviluppo del cinema italiano neorealista. Questo non svolse solo il compito di aprire una finestra sulla realtà, di denunciare senza retorica i mali che affliggevano il nostro paese, di raccontare con l’occhio del cronista la guerra, l’occupazione, la lotta partigiana e la liberazione. La sua funzione più importante fu di accogliere l’imprevisto, il minimo dettaglio, di riuscire a coniugare alle volte il tempo filmico con quello reale, dando la dovuta importanza a tutti gli atti dell’uomo. Roma città aperta di Roberto Rossellini nel 1945 fu il film che aprì il cinema italiano a nuovi orizzonti tematici,narrativi e stilistici. Nell’anno seguente uscirono Paisà di Rossellini e Sciuscià di Vittorio De Sicae Cesare Zavattini, nel 1948 uscirono un altro capolavoro di De Sica Ladri di biciclette e La terra trema di Luchino Visconti. Dopo questi splendidi saggi di bravura, il cinema neorealista sembrò perdere mordente e diventare meno

Anteprima della Tesi di Manuela De Marco

Anteprima della tesi: Il dibattito museologico dal dopoguerra agli anni sessanta e i suoi esiti nella cultura legislativa, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Manuela De Marco Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2379 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.