Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il dibattito museologico dal dopoguerra agli anni sessanta e i suoi esiti nella cultura legislativa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 pubblica, gli ospedali, le scuole, il sistema finanziario. Il paese si riprese grazie anche ad un massiccio piano d’aiuti americani. La ricostruzione economica avvenne secondo indirizzi liberisti: le forze produttive furono in altre parole lasciate libere di espandersi senza alcun intervento di regolamentazione e di programmazione statale. Furono anni duri, di sacrifici e di miseria, soprattutto per i ceti più deboli, ma il paese aveva ancora grandi risorse al suo interno, capacità d’iniziativa e di lavoro.In quegli anni si verificò quindi un’accumulazione che fu la premessa di un vero e proprio “decollo” economico successivo. L’effetto di questo processo di accumulazione si fece sentire a metà degli anni Cinquanta, quando cominciò a delinearsi un vero “boom”, cioè una crescita di eccezionale rapidità: ebbero avvio gli anni del cosiddetto “miracolo”, che determinò non solo nella vita economica, ma anche nella società, nel costume, nella mentalità degli italiani trasformazioni radicali e profonde, da cui uscì un paese totalmente rinnovato. L’Italia, che ancora nel periodo fascista era un paese prevalentemente agricolo, divenne un paese industriale moderno, avvicinandosi al modello delle nazioni più avanzate dell’Occidente. Gli effetti sociali furono egualmente profondi: vi fu un massiccio trasferimento di lavoratori dall’agricoltura all’industria, con uno spostamento dalle campagne alle città e soprattutto dalle regioni meridionali verso lo sviluppo concentrato soprattutto nel Nord della penisola. Gli italiani dei ceti popolari e piccolo borghesi, abituati ad un’esistenza

Anteprima della Tesi di Manuela De Marco

Anteprima della tesi: Il dibattito museologico dal dopoguerra agli anni sessanta e i suoi esiti nella cultura legislativa, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Manuela De Marco Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2379 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.