Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Qualità dell'e-learning. Esperienze italiane e buone pratiche internazionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1 18 1.2.2 Costi La questione dei tempi si riversa direttamente sui costi: ridurre i tempi di assenza dal lavoro significa, infatti, maggiore produttività. Luigi Serio 11 rileva la richiesta, da parte delle aziende, di formazione meno costosa che mantenga, però, la qualità dei risultati. Questa richiesta, che fino a poco tempo sarebbe sembrata di difficile realizzazione se non utopica, oggi può trovare risposta in una formazione che richieda meno giornate d’aula e, di conseguenza, minori spostamenti: un percorso formativo che si avvalga dell’e-learning. Del resto, come nota Gianni Ruffino, direttore dei Learning Services dell’IBM, quello della riduzione dei costi richiesti dalla formazione on line, a parità di standard qualitativi rispetto a quella tradizionale, è uno dei vantaggi principali offerti dall’ODL 15 . Per sostenere la sua affermazione Ruffino riporta i dati del risparmio sulla formazione interna dell’IBM: nel 1999, grazie alla formazione a distanza, si sono risparmiati, rispetto agli anni precedenti, 100 milioni di dollari, nel 2000 ben il doppio. Sull’abbattimento dei costi, dovuto alla riduzione delle trasferte e dell’assenza dal lavoro permessi dall’e-learning concordano anche Gianfranco Papa, responsabile marketing ed e-channel di Italdata SPA Gruppo Siemens Business Services 16 e Marika Giovannini, responsabile del sito e delle iniziative relative delle Edizioni Erikson 17 . Per quanto riguarda i costi effettivi sostenuti dai promotori della formazione on line non sono così facili da determinare in quanto, come sostiene Moon 18 , si incontrano delle difficoltà concrete come: ™ disaccordo sui costi da prendere in considerazione e su quelli da ritenere esterni; ™ i dati rilevati spesso risentono della mancanza di un metodo sistematico per raccoglierli; 15 Cecilia Pierami, Intervista a Gianni Ruffino, IBM, tratta dalla sezione Formazione e Cambiamento di www.formapubblica.it 16 Cecilia Pierami, Intervista a Gianfranco Papa, Italdata SPA Gruppo Siemens Business Services, tratta dalla sezione Formazione e Cambiamento di www.formapubblica.it 17 Cecilia Pierami, Intervista a Marika Giovannini, Edizioni Erikson, tratta dalla sezione Formazione e Cambiamento di www.formapubblica.it 18 citato da Charlotte Ash e Paul Bacsich in A new analysis model for networked learning, presente nel Book of Essay, The First Research Workshop of EDEN, Research and Innovation in Open and Distance Learning, Prague, 16-17 March 2000, pp. 208-210

Anteprima della Tesi di Simone Costa

Anteprima della tesi: Qualità dell'e-learning. Esperienze italiane e buone pratiche internazionali, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Simone Costa Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3386 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.