Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Qualità dell'e-learning. Esperienze italiane e buone pratiche internazionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Scoprendo l’e-learning Figura 1: La Formazione on line (FaD di 3ª generazione) offre maggior flessibilità spazio temporale pur mantenendo come punto centrale l’interazione con il docente e i compagni di corso 1.2.1 Questione di tempi Come abbiamo accennato precedentemente, una delle caratteristiche più salienti dell’e- learning riguarda la peculiare gestione dei tempi che permette. La stessa Commissione delle Comunità Europee afferma che“Le TIC rappresentano un mezzo formidabile per raggiungere popolazioni sparpagliate e isolate a costi relativamente contenuti – non soltanto nell’interesse dell’istruzione e della formazione, ma anche nella prospettiva di comunicazioni che servano a mantenere l’identità della comunità al di là delle distanze. Più in generale, un accesso permanente e mobile a formazione autonoma flessibilità spazio temporale vincoli di spazio e di tempo interazione con docenti e compagni FaD di 1ª e 2ª generazione FaD Di 3ª generazione (e-learning) Formazione in aula

Anteprima della Tesi di Simone Costa

Anteprima della tesi: Qualità dell'e-learning. Esperienze italiane e buone pratiche internazionali, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Simone Costa Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3382 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.