Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La distribuzione di bevande in Polonia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo – Le bevande: mercati internazionali 10 Seguono ora una serie di report aventi ad oggetto alcuni dei principali paesi europei e una overview generale del principale mercato del mondo, quello statunitense. 1-3 IL MERCATO DEL VINO IN ITALIA Il 20% della produzione mondiale di vino proviene dall’Italia, ciò la pone in seconda posizione su scala mondiale preceduta dalla sola Francia. Il volume prodotto ha raggiunto i 51,6 milioni di ettolitri nel 2000 (+3% rispetto all’anno precedente), il vino è prodotto indistintamente in tutte le regioni anche se circa il 48% proviene da Puglia Sicilia e Veneto. L’export continua a crescere, nel 2000 è stato quantificato in 2,4 miliardi di euro (+4% rispetto al 1999). Il vino italiano è esportato in 164 nazioni con Germania, Francia, Stati Uniti, UK ad occupare ruoli chiave tra le nazioni clienti. L’Italia importa piccole quantità di vino per lo più francese ma anche californiano e cileno, per un volume che non supera i 100000 ettolitri. Il trend in atto porta il consumatore ad acquistare meno vino in volume ma di migliore qualità rispetto agli anni passati, negli ultimi 20 anni il consumo pro capite si è dimezzato arrivando a 54,15 litri nel 1999. In Italia si contano 800000 produttori che alimentano un mercato formato da 150000 brand. I vini italiani possono essere divisi in base all’area di provenienza ed alla qualità, ecco che quindi abbiamo la categoria DOC (denominazione di origine controllata) forte di 314 unità, la categoria DOCG (denominazione di origine controllata e garantita) con 21 esemplari ed infine IGT (indicazione geografico territoriale con 120 unità). L’invecchiamento della popolazione è un fattore che presumibilmente avrà un impatto positivo sul consumo di vino, con meno figli i consumatori avranno una maggior quota del reddito familiare da destinare a questo tipo di prodotto. Figura 4: Consumi di vino pro capite in Italia 104 93 75 62,5 55,7 54 53,5 52 51,5 51 47,5 0 20 40 60 80 100 120 1975 1980 1985 1990 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 Fonte Mintel, dato 2001 stimato Diversi anni addietro il vino accompagnava ogni pasto di qualsiasi famiglia italiana, ora tale tradizione è mantenuta viva solo in zone rurali. Mentre i consumi sono scesi inesorabilmente così sono aumentate le vendite a valore a testimonianza della predilezione del consumatore italiano di prodotti di buona qualità. In materia di canali

Anteprima della Tesi di Stefano Giardini

Anteprima della tesi: La distribuzione di bevande in Polonia, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Giardini Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2170 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.