Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuovi modelli di business: le comunità virtuali. Il caso di Fondi.it

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione In realtà, le comunità virtuali non richiedono un grande ammontare di capitale, anzi, le richieste iniziali di capitale sono alla portata di qualsiasi imprenditore convincente dotato di un buon piano di business. Ultimo, ulteriore, elemento da considerare, non ultimo per importanza, è l'impatto avuto dalle comunità virtuali sulle funzioni di marketing e vendite. Si assiste, infatti, ad un'estensione delle azioni di marketing in più direzioni 3 : ™ orizzontale: a questa dimensione si collega il concetto di cross selling 4 ; l'organizzatore della comunità dovrà selezionare e proporre una gamma di prodotti e servizi di interesse oltre l'attività core dell'azienda. ™ verticale: nella comunità vengono riuniti soggetti che svolgono attività economiche diverse le cui relazioni vanno gestite in modo efficace. ™ temporale: perché una volta conseguita la fiducia dell'utente, questi continuerà a fare riferimento alla comunità; l'offerta dovrà, dunque, rinnovarsi mantenendo alta la qualità e rendendo possibili azioni di up selling 5 . Ed è proprio partendo da questi punti cardine che è nato il progetto di scrivere una tesi che affrontasse l'aspetto economico delle comunità virtuali e non tanto quello sociologico, riguardo al quale si sono espressi numerosi autori nel corso degli ultimi anni. La struttura che percorre e caratterizza tutto il lavoro, è un confronto critico tra le nozioni più marcatamente teoriche e gli effetti derivanti dall'effettivo sviluppo di iniziative di business concentrate attorno all'implementazione di comunità virtuali. I risultati conseguiti hanno portato ad osservare come, in Italia, sia ancora scarsa la considerazione per questo fenomeno che negli Usa ha invece già raggiunto una sua stabilità e garantito agli investitori interessanti risultati in termini di revenue e comeimportanti quote di mercato siano ancora a disposizione per i player capaci di sfruttare tutti gli strumenti a disposizione. 3 Carignani, A. Mandelli, A. (1999) Fare business in rete, McGraw-Hill, p. 175 4 L'individuazione e la proposta di beni/servizi complementari o abbinabili a quello richiesto dall'utente 5 Proporre al potenziale cliente l'acquisto di più beni a crescente valore economico.

Anteprima della Tesi di Fabio Calorio

Anteprima della tesi: Nuovi modelli di business: le comunità virtuali. Il caso di Fondi.it, Pagina 3

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Fabio Calorio Contatta »

Composta da 269 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3977 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.