Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Mlu nel parlato del bambino

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Le diverse definizioni L’enunciato rappresenta un punto di riferimento fondamentale della comunicazione orale, la quale fa uso, oltre al linguaggio parlato, di elementi linguistici e paralinguistici, come il tono di voce e la gestualità (Ricci Bitti e Zani, 1983). Il linguaggio parlato è una modalità comunicativa che ha bisogno di essere concepita all’interno del concetto di enunciazione; non è cioè possibile parlare di produzione linguistica al di fuori della sua esecuzione, che avviene all’interno di un determinato contesto, di una certa situazione e secondo le motivazioni degli interlocutori. L’enunciato è considerato da alcuni Autori l’elemento di base della comunicazione orale, quindi si rende necessario darne una definizione, anche se le nozioni elaborate sinora per la descrizione dei fenomeni empirici si adattano solo parzialmente alla realtà del parlato, tant’è vero che la definizione di questo concetto non è affatto univoca (Sornicola, 1981). Secondo tali Autori, l’enunciato non sarebbe altro che il corrispondente empirico del costrutto teorico "frase", denoterebbe cioè un’entità osservabile e concreta, la cui rappresentazione astratta è appunto la frase (Sornicola, 1981). Mentre, per Sornicola (1981), la corrispondenza tra enunciato e frase è univoca, ossia a un particolare enunciato corrisponde una sola frase, secondo la definizione data da Harris (1951) la relazione tra enunciato e frase non è univoca. Poiché egli sostiene che l’enunciato è "any strecht of talk, by one person, before and after which there is silence on the part of that person" (pag. 14), deve poi concludere che l’enunciato non s’identifica con la frase. Lyons (1968), tuttavia, osserva che questa definizione, benchè si configuri come altamente operativa (sarebbe meglio dire apparentemente operativa), dato che sembra offrire un criterio di immediato utilizzo applicativo, ha un valore prescientifico poiché non chiarisce la sostanza stessa del concetto. Lo stesso Autore identifica l’enunciato con il segmento di discorso che deriva dalle frasi generate dalla grammatica, mettendo a fuoco il rapporto tra l’enunciato stesso e il sistema di regole della lingua, cioè rappresenta la realizzazione concreta del sistema astratto delle regole che descrivono le frasi della langue.

Anteprima della Tesi di Adele Bortolina Berardelli

Anteprima della tesi: L'Mlu nel parlato del bambino, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Adele Bortolina Berardelli Contatta »

 

Questa tesi ha raggiunto 4579 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.