Skip to content

Metamorfosi dell’arcadia: edizioni e rappresentazioni del sacrificio di Agostino Beccari

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 un padre avaro, un equivoco tra innamorati che porta ad un doppio suicidio con resurrezione ad opera di Apollo reduce dalla perdita di Dafne, e un finale di sapore borghese di conciliazioni domestiche. Il Tempio d’amore 12 di Galeotto del Carretto, del 1504, si ispira ad un allegorismo di tipo ancora medioevale: tra i vari personaggi allegorici si insinua anche un negromante coinvolto nel processo a Fileno intentato da Amore. Conferma il sostanziale eclettismo di queste esperienze sceniche anche il rifacimento dell’Orfeo di Poliziano, ovvero la Fabula di Orfeo e Aristeo 13 –un primo rifacimento, la Orphei tragoedia, in cinque atti titolati alla latina, è forse opera di Boiardo 14 - risulta appesantito da citazioni mitologiche nelle quali si mescolano le virgiliane Georgiche con le Metamorfosi di Ovidio, mentre i prestiti da Dante, Poliziano e Correggio s’innestano su un tessuto linguistico popolaresco e su una trama infarcita di avvenimenti fantastici, avventurosi e irrealistici. 1.5. L’Orfeo di Poliziano: riscoperta del “terzo genere” antico, la fabula satirica L’Orfeo di Poliziano è messo probabilmente in scena per la prima volta a Mantova nel 1480 (ma A. Tissoni Benvenuti sostiene più plausibile una data compresa tra il 1471 e il 1473 15 ) alla presenza del cardinale Francesco Gonzaga. Marzia Pieri sostiene che si può ricondurre a tutti gli effetti alla tradizione delle “rappresentazioni” sopra citate: la sua funzione sarebbe più spettacolare che letteraria, come suggerisce la stampa tarda, sicchè verrebbe “a torto isolato dagli storici come episodio eccezionale e capostipite o avventurosamente caricato di significati simbolici. (…) L’operetta, scritta come è noto “in tre giorni infra continui tumulti”, condivide a ogni effetto questo effimero status di “oggetto testuale“. 16 Pieri sostiene la tesi delle ragioni “squisitamente sceniche” che hanno condotto il Poliziano alla sua composizione, forse sollecitata dal ricordo di qualche momaria vista a Venezia. Dello stesso avviso è Elena Povoledo, che sottolinea che l’Orfeo è stato scritto 12 La princeps è Milano 1518; seguirono un’altra edizione milanese l’anno successivo ed una veneziana nel 1524. 13 La favola di Orfeo e Aristeo. Festa drammatica del secolo XV edita da Guido Mazzoni, Alfani e Venturi, Firenze, 1906. 14 La probabile paternità del Boiardo e non del Tebaldeo, come a lungo si è ritenuto, è sostenuta in modo convincente da A.T. Benvenuti in La fortuna teatrale dell’ “Orfeo” del Poliziano e il teatro settentrionale del Quattrocento, in Culture regionali e letteratura nazionale, atti del VII congresso, Bari, 1970, pp. 397-416. 15 A.T. Benvenuti, Il viaggio d’Isabella d’Este a Mantova nel giugno 1480 e la datazione dell’ “Orfeo” di Poliziano, “Giornale storico della letteratura italiana”, CLVIII, 1981, pp. 368- 383. 16 Marzia Pieri, La scena boschereccia cit., p. 7.
Anteprima della tesi: Metamorfosi dell’arcadia: edizioni e rappresentazioni del sacrificio di Agostino Beccari, Pagina 4

Preview dalla tesi:

Metamorfosi dell’arcadia: edizioni e rappresentazioni del sacrificio di Agostino Beccari

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniela Sepulcri
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Fabio Finotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 204

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arcadia
teatro
storia del teatro italiano
storia della letteratura italiana
ludovico ariosto
agostino beccari
letteratura bucolica
teatro rinascimentale
torquato tasso
favole pastorali
egloghe
aminta

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi