Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Resistenza e classe operaia a La Spezia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

venne ridimensionato a danno dei lavoratori, di cui molti furono licenziati, altri retribuiti con salari enormemente decurtati. Il porto mercantile, che durante la guerra aveva avuto un notevole in- cremento di traffici (quasi un milione di tonnellate di merce all’anno), ri- dusse l’attività: nel 1923 da qui transitò quasi lo stesso quantitativo di merci che il porto aveva registrato nel 1913 (mezzo milione di tonnellate). 7 “Negli scali dell’Arsenale, dove ogni biennio veniva costruita una dreadnought, dopo la Prima Guerra non venne più impostata una nave, perché la costruzione fu affidata all’industria privata”. 8 Questa è la prova sia della difficile situazione vissuta allora dal maggiore stabilimento citta- dino, sia, all’inverso, della ripresa di altri impianti. Tale ripresa fu più evidente ed investì l’intera industria nel 1923 e nel quinquennio successivo, quando o si registrarono i risultati positivi conse- guenti alla riconversione postbellica, o fu ripresa l’attività tradizionale, quella di carattere militare. A ciò contribuì anche la produzione di energia elettrica ad opera della società che dal 1927 avrebbe acquisito il nome di Compagnia Imprese Elettriche Liguri (CIELI): essa installò un elettrodotto da 60.000 volt, a cui 7 Cfr. C. Musso, op. cit., p. 604: la crisi che colpì il Porto mercantile non sortì particolare stupore, poiché la struttura era di costruzione recente (ultimo decennio del secolo XIX). Il ritardo con cui la città venne fornita di un porto mercantile fu causato da due motivi: la sua collocazione situata tra due porti molto svi- luppati, Genova e Livorno, ostili alla nascita di un altro concorrente; ed il pessimo collegamento della provincia spezzina con la pianura emiliana. 8 T. Del Chicca, La Spezia di ieri e di oggi, in Comune di La Spezia, La Spezia Rivista del Comune, 1953, n° 2. Cfr. anche G. Galuppini, L’Arsenale di la Spezia nel centenario della sua inaugurazione, in Rivista Marittima, Estratto dal fascicolo di Luglio-Agosto 1969, La Spezia, Stato Maggiore della Marina, 1969, p. 69: «le ultime due unità costruite sugli scali dell’Arsenale furono la nave appoggio idrovolanti Miraglia e la nave reale Savoia». La «Miraglia» fu varata il 20 Dicembre 1923, il «Savoia» il 1° Settembre dello stesso anno.

Anteprima della Tesi di Roberta Tarabusi

Anteprima della tesi: Resistenza e classe operaia a La Spezia, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Roberta Tarabusi Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1647 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.