Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vita quotidiana a Firenze nei mesi della Repubblica Sociale Italiana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 I primi ad essere presentati sono i mezzi di trasporto, e quindi tram, corriere, treni e le biciclette, che, pur non essendo un mezzo di trasporto pubblico, furono a volte disciplinate come tali. Nei paragrafi successivi si illustra l’andamento degli altri servizi pubblici, quali gas, luce, telefono, servizio postale e sistema sanitario-assistenziale, che, pur fra alti e bassi e con interruzioni determinate soprattutto dai bombardamenti, funzionarono per quasi tutto il periodo della R.S.I. Il sesto capitolo si conclude con un’analisi dell’organizzazione dei soccorsi, e si riportano in dettaglio le conseguenze di allarmi e bombardamenti sulla vita cittadina, ricavati anch’essi dai notiziari del Fondo Micheletti, ma anche dalla Nazione, che, per ragioni sostanzialmente propagandistiche, si soffermava con dovizia di particolari sui danni provocati da bombe, schegge e ordigni esplosivi. Argomento centrale dei capitoli settimo e ottavo è la cultura, nei suoi vari aspetti. Nel capitolo settimo si parte con un’analisi della situazione nelle scuole e nella università e si prosegue esaminando il mondo culturale in senso stretto (le istituzioni e le varie attività culturali, l’atteggiamento degli intellettuali, i principali quotidiani e periodici fiorentini dell’epoca). Un paragrafo è dedicato anche alla questione importante delle opere d’arte cittadine, che, per essere protette dai bombardamenti e dalle razzie dei tedeschi, comportarono un grande sforzo da parte delle autorità. Le informazioni relative a questo argomento sono state ricavate essenzialmente da due libri: “Firenze, guerra e alluvione” di P. Paoletti, e “Le gallerie di Firenze e la guerra” di C. Fasola. Nel capitolo ottavo l’attenzione è posta sulle manifestazioni e sulle varie attività che avvennero in città durante la R.S.I e che rappresentarono in pratica i possibili divertimenti per i cittadini. Cinema, spettacoli teatrali (riviste, arte varia, prosa, musica sinfonica e operistica), mostre di pittura e scultura, gare sportive contribuirono a dare una sostanziale apparenza di normalità alla vita fiorentina e i giornali cittadini, infatti, non persero occasione per annunciare tutti questi eventi e dare loro ampio spazio. La parte conclusiva della tesi comprende i capitoli nove e dieci, che trattano in particolar modo dei giorni del passaggio del fronte e dello “stato di

Anteprima della Tesi di Monica Pieraccini

Anteprima della tesi: Vita quotidiana a Firenze nei mesi della Repubblica Sociale Italiana, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Monica Pieraccini Contatta »

Composta da 344 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2230 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.