Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Associazioni e società medico-scientifiche in Piemonte: realtà congressuale e target strategico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il congresso medico, un volto diverso 9 il congresso: l’E.C.M. diventerà un parametro di riferimento, un criterio di valore inoppugnabile verso qualsiasi contestazione da parte di Farmindustria. • L’articolo 3 del decreto legge n.63/2002 è apparso per la prima volta il 17 aprile, data della sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. L’articolo, che rientrava in un complesso piano finanziario per contenere le spese della sanità, prevedeva una riduzione del 5%, a tempo indeterminato, dei prezzi di vendita dei farmaci al pubblico. Nei comma 3 e 4 si riduceva inoltre per il 2002 gli investimenti delle aziende farmaceutiche nell’ambito della sponsorizzazione e organizzazione dei congressi medici, in Italia e all’estero, del 50%, rispetto alla spesa sostenuta nel 2001. Il provvedimento, che riguardava un settore già molto regolamentato, era, inoltre, a effetto retroattivo. La maggior parte delle aziende stabilisce con mesi di anticipo le partecipazioni ai congressi e, l’applicazione di questo decreto, avrebbe causato, secondo le previsioni delle associazioni di categoria, l’annullamento di circa 9.000 congressi nazionali, implicando e travolgendo tutto il comparto. Il danno sarebbe stato incommensurabile, per affrontare il quale, le più importanti associazioni degli operatori del comparto, hanno presentato richiesta di emendamento. In sintesi, non potendo ottenere una totale soppressione del decreto, si è presentato una modificazione al fine di contenere il danno economico e occupazionale, mirando a limitare l’intervento alle manifestazioni estere e ad introdurre l’applicabilità al 1° gennaio 2003. Quest’ultima ipotesi avrebbe dato la possibilità agli addetti al settore di riorganizzare le proprie strutture senza bloccare le attività già pianificate. Sicuramente la coralità e la fermezza con cui è stata presentata la richiesta hanno influito, tra il 15 maggio e il 13 giugno 2002, al buon esito del dibattito tra Camera e Senato: accogliendo le due modifiche sostanziali il

Anteprima della Tesi di Elena Bruno

Anteprima della tesi: Associazioni e società medico-scientifiche in Piemonte: realtà congressuale e target strategico, Pagina 9

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Elena Bruno Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1840 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.