Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Empatia, pianto empatico e commozione: natura e processi della condivisione emotiva dalla vita reale alla sala cinematografica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4.5 Partecipazione emotiva e risposta empatica Ogni tipo di reazione emotiva durante la visione di un film è suscitata per mezzo di vari e differenti processi cognitivi che cooperano e interagiscono al fine di costruire la complessa esperienza estetica della storia nella sua totalità. Naturalmente noi, come spettatori, non distinguiamo i vari tipi di esperienza emotiva durante la proiezione poiché gran parte dei processi cognitivi procede in modo automatico e l’esperienza che ha accesso alla nostra coscienza è la complessa emozione che risulta da tali processi. La tecnica filmica (come ho già detto) è essenziale nel creare effetti percettivi ed emotivi. Non c’è dubbio che più d’ogni altra arte, il film agisce direttamente sui nostri sensi di vista e udito, sullo schermo e “intorno” a noi. C’è una certa differenza, per esempio, con il teatro in cui tale sospensione della consapevolezza del mezzo è resa più difficile rispetto al cinema nonostante scene e attori siano fisicamente presenti. Empatia, Simpatia e Film Un numero sempre più ampio di filosofi e psicologi ha ipotizzato che l’empatia fosse cruciale per la nostra abilità quotidiana di comprendere, spiegare e predire il comportamento di coloro che ci circondano. Se l’empatia ha un ruolo cruciale nella nostra comprensione dell’ambiente, della società e degli altri allora non è difficile capire che essa è tutt’altro che marginale o di poca importanza nella comprensione di un film. Infatti, come sostiene la teoria cognitiva durante la visione di un film sono la volontà di orientamento all’interno dell’universo filmico e la scoperta uno dei principali "piaceri" per lo spettatore ( 9 ) . L’empatia è un processo cognitivo che porta ad una risposta emotiva concepita come mezzo per la comprensione del film stesso. ( 9 ) Bordwell: “A case for Cognitivism” in Iris, 9; 1989. (pp.11-40)

Anteprima della Tesi di Carolina Marcos

Anteprima della tesi: Empatia, pianto empatico e commozione: natura e processi della condivisione emotiva dalla vita reale alla sala cinematografica, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Carolina Marcos Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16192 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.