Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Empatia, pianto empatico e commozione: natura e processi della condivisione emotiva dalla vita reale alla sala cinematografica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

messi in atto durante la visione di un film. Alcune di queste abilità includono il processamento dell’informazione visiva e la risposta emotiva. Lo spettatore, inteso come soggetto, è concepito come “portatore” della propria soggettività che contribuisce con le proprie aspettative, inferenze e desideri alla realizzazione dell’esperienza filmica. Lo stesso testo filmico necessita di tali apporti individuali perché i suoi effetti abbiano modo di attuarsi. Nel vedere uno spettacolo cinematografico si mescolano stimoli uguali a quelli che ci offre la realtà e stimoli del tutto propri all’universo filmico. David Bordwell, nel suo testo sulla narrazione cinematografica ( 3 ) sostiene che la narrazione è un processo grazie al quale viene suggerito allo spettatore un percorso che lo porta a ricomporre una storia. La funzione degli schemi mentali è quello d’identificazione delle azioni, degli oggetti, degli scopi e dei contesti sociali. Il ruolo dello spettatore è centrale e la sua attività consiste nel percepire, ricordare, assumere, inferire. La percezione visiva ci permette di riconoscere stati o relazioni piuttosto complicati, l’abilità d’interpretare tali atti di riconoscimento è attribuita ad un livello cognitivo più “alto” della mente, e dunque ai sistemi di credenze. La comprensione è intesa come la principale motivazione dello spettatore. Infatti, la premessa più importante della teoria cognitiva è quella che lo spettatore è motivato da un desiderio di scoperta e orientamento all’interno dell’universo proposto dal film. Nel riconoscimento e nella comprensione le rappresentazioni mentali svolgono, dunque, un ruolo decisivo. Tali rappresentazioni hanno un contenuto semantico, ci suggeriscono di cosa si tratta; da qui, poi, si risale alla struttura della rappresentazione: lo schema strutturale ( 3 ) Bordwell: “Cognition, Construction, and Cinematic Vision” in Bordwell e Carroll (Eds) Post-Theor: Reconstructing Film Studies, Madison: University of Wisconsin Press; 1996. (pp. 87-107)

Anteprima della Tesi di Carolina Marcos

Anteprima della tesi: Empatia, pianto empatico e commozione: natura e processi della condivisione emotiva dalla vita reale alla sala cinematografica, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Carolina Marcos Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16192 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.