Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il danno ambientale: sistemi di valutazione metodi di ripristino

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

possibilità di sollecitare l’azione pubblica di danno ambientale, mediante la denuncia di fatti lesivi di cui siano a conoscenza. Noteremo inoltre che, sempre secondo quanto dispone di sopra menzionato art. 18, in caso di condanna del danneggiante la sanzione prioritaria (comminata dal giudice ordinario) è il ripristino dello stato dei luoghi a spese del responsabile stesso, perchè considerata quella che meglio permette di tutelare l’ambiente e rispettare le esigenze della collettività. In caso (purtroppo frequente) di impossibilità di ripristino, il giudice dispone il risarcimento integrale effettuando una precisa quantificazione del danno. Anche tale soluzione, tuttavia, presupponendo la possibilità di esecuzione di una valutazione di mercato del bene ambiente (o di parti di esso), risulta spesso di difficile attuazione. In via subordinata alle prime due difficilmente praticabili ipotesi, il giudice stabilisce l’entità del risarcimento quantificando il danno in via equitativa, dovendo tenere conto di parametri quali: la gravità della colpa, il costo del ripristino e il profitto conseguito dal trasgressore. Le disposizioni legislative in tema di responsabilità civile per danno ambientale in Italia, sono da lungo tempo oggetto di dibattito in vista di una possibile (ed auspicabile) riforma delle medesime. Ecco che, dunque, diventa necessario analizzare le linee di tendenza dettate in materia dalle istituzioni comunitarie e dalle recenti leggi ecologiche nazionali di altri Paesi. In particolare, per quanto concerne l’ambito comunitario, di estremo interesse si rivela l’analisi delle disposizioni contenute: a) nella proposta di direttiva CEE sulla responsabilità civile per danni causati da rifiuti del 1989 (e modificata nel 1991); b) nella Convenzione di Lugano del 1993 sulla responsabilità civile per danno all’ambiente derivante da attività pericolose; c) nel Libro Verde della Commissione CEE del 1993 sul risarcimento dei danni all’ambiente. L’esame di tali documenti evidenzia la tendenza a stabilire le seguenti regole in materia di danno ambientale:

Anteprima della Tesi di Marco Lucio Giordano

Anteprima della tesi: Il danno ambientale: sistemi di valutazione metodi di ripristino, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Lucio Giordano Contatta »

Composta da 227 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6984 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.