Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuovi strumenti per la valorizzazione estetica delle rocce ornamentali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 3 Obiettivi della tesi 3 Obiettivi della tesi L’Italia e il Portogallo sono fra i primi dieci maggiori produttori al mondo di rocce ornamentali. Le rocce ornamentali, generalmente nel linguaggio comune marmi e graniti, sono commercializzate essenzialmente per il loro aspetto estetico. Sono disponibili sul mercato lapideo centinaia, migliaia di prodotti dalle caratteristiche fisiche, chimiche, estetiche altamente variabili fra di loro. La loro utilizzazione ricopre quasi tutti i campi delle costruzioni civili, vengono utilizzate nei pavimenti, nei rivestimenti, all’esterno, all’interno etc. Le proprietà fisiche delle rocce ornamentali sono da tempo oggetto di normative da parte di organismi europei di controllo qualità dei prodotti come UNI-CEN (prEN 12457). Le caratteristiche fisico meccaniche però passano in secondo piano di fronte al mercato delle rocce ornamentali in quanto esse hanno un valore commerciale soprattutto in funzione del luogo di provenienza e in base alla colorazione, forma delle venature, disegni che il materiale naturale possiede; inoltre la qualità intesa non come aspetto estetico ma per il ruolo funzionale che l’oggetto deve soddisfare, deve essere garantita da test fisico - meccanici effettuati presso laboratori accreditati per la certificazione. La normativa UNI-CEN stabilisce la frequenza con cui test fisico-meccanici devono essere ripetuti, indicando ad esempio tre anni per la prova d’assorbimento d’acqua per capillarità e densità apparente (EN 1925, EN 1936), in due anni prove di resistenza a flessione (EN 12372 o prEN 13161), almeno una volta all’anno assorbimento d’acqua (prEN 13355, EN 1936), fino alle caratteristiche da esaminare per ogni lotto che sono proprietà visuali e dimensioni geometriche (prEN 13373). È evidente quindi la necessità di sviluppare metodi e tecnologie in grado di misurare e valutare le caratteristiche estetiche in modo continuo e oggettivo, possibilmente durante la fase di produzione stessa. Il settore soffre oggi di un particolare problema che risiede nella selezione soggettiva dei materiali prodotti. La selezione si basa sul controllo delle imperfezioni e sul controllo della qualità estetica, i problemi che pone questa procedura sono due: 1. la difficoltà di automazione delle linee di produzione; 2. la non costanza (nel tempo) e la contestabilità delle selezioni soggettive

Anteprima della Tesi di Stefano Bondua

Anteprima della tesi: Nuovi strumenti per la valorizzazione estetica delle rocce ornamentali, Pagina 5

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Dipartimento di chimica mineraria e delle tecnolog

Autore: Stefano Bondua Contatta »

Composta da 447 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1481 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.