Il disconoscimento di paternità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

anche celato la gravidanza e la nascita perché questo comportamento è ora previsto come autonoma condizione di proponibilità della domanda. Una volta provato l’adulterio o l’occultamento la legge ammette a provare che il figlio presenta caratteristiche genetiche ed ematologiche incompatibili con quelle del presunto padre o ogni altro fatto tendente ad escludere la paternità. L’art. 232 c.c. dispone che figlio legittimo è quello nato da donna coniugata e concepito durante il matrimonio senza fare alcun riferimento ad un rapporto biologico tra padre e figlio: sembrerebbe quindi che quest’ultimo requisito non sia elemento costitutivo della filiazione. Conseguenza di questo assunto sarebbe il fatto che la procreazione tramite inseminazione artificiale eterologa darebbe luogo ad uno stato di figlio legittimo non caducabile perché completo degli elementi costitutivi. L’azione di disconoscimento è esperibile sia che si aderisca a tale tesi sia che si ammetta il contrario. La differenza sta nell’enunciazione di una diversa natura dell’azione: la prima tesi la qualifica come causa di esclusione della filiazione legittima perfezionatasi in virtù di tutti gli elementi costitutivi, la seconda tesi, invece, la indica come mezzo per accertare il difetto di un elemento costitutivo della filiazione legittima.

Anteprima della Tesi di Ester Turato

Anteprima della tesi: Il disconoscimento di paternità, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Ester Turato Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6275 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.