Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I bambini e l'advertising - La fruizione da parte dei bambini del messaggio pubblicitario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

egocentrico.Tuttavia è certo che il bambino in questi anni si renda maggiormente conto di quello che succede intorno a lui: la socializzazione s'instaura in modo più stabile. Infatti, egli diminuisce il suo "monologo intellettivo" e dà più valore alla comunicazione con gli altri: per formulare sinteticamente il concetto centrale del periodo operatorio concreto si potrebbe affermare che il bambino realizza un equilibrio precario tra soggettività e oggettività, equilibrio che si risolverà solo dopo i dodici anni, con il passaggio allo stadio terminale dello sviluppo, quelle delle operazioni formali. Per tutta l'adolescenza, il ragazzo imparerà ad applicare gli schemi non solo agli oggetti, ma anche alle idee e ai pensieri, costruendo a quella logica deduttiva che gli consentirà di fare previsioni e anticipazioni sul mondo che lo circonda, senza avere bisogno di una sperimentazione diretta a livello oggettuale, come accade nella fase operatoria concreta.Ricerche successive lo hanno confermato molte delle scoperte e delle intuizioni di Piaget, anche se hanno messo fortemente in crisi il concetto di stadio cosi determinato, come egli aveva immaginato: è molto più probabile che la progressione dello sviluppo infantile si snodi come un continuum ininterrotto, in cui, negli anni precedenti alla completa realizzazione di una determinata capacità, essa sia già in realtà presente in una forma più frammentaria o incompleta.Ma la mancanza forse più grave fra tutte è che Piaget abbia completamente escluso nel suo studio dello sviluppo cognitivo il ruolo fondamentale della fantasia: infatti, essa è un aspetto importante del pensiero, sia da un punto di vista cognitivo, perché permette di anticipare la realtà, di modificarla o di sostituirla, sia da un punto di vista emotivo, perché consente di ampliare il sentimento di libertà e di reagire alle frustrazioni. La fantasia, quindi da un lato permette di anticipare il futuro, dall'altro di modificare il presente e di idealizzare il passato: si tratta di un'attività del pensiero che qualche volta può arrivare a negare o trasfigurare la

Anteprima della Tesi di Denis Magro

Anteprima della tesi: I bambini e l'advertising - La fruizione da parte dei bambini del messaggio pubblicitario, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Denis Magro Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12048 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.