Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I bambini e l'advertising - La fruizione da parte dei bambini del messaggio pubblicitario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

dell'attività rappresentativa: ogni vocabolo del linguaggio adulto che il bambino assimila, indica infatti un aspetto della realtà e dà quindi al bambino la capacità di evocare l'immagine della realtà stessa, anche quando questa non è presente. A quest'età inizia a svilupparsi anche la dinamica del gioco simbolico, attraverso il quale il bambino tratta un oggetto come se fosse qualcosa di diverso, per esempio un cucchiaio al posto del telefono, una scopa al posto del cavallo . In questo modo la sua attività ludica certifica la raggiunta capacità di rappresentarsi situazioni non realmente presenti(1)e dimostra che la sua attività mentale è relativamente autonoma dalla realtà percepita immediatamente circostante. In questa fase il pensiero del bambino è caratterizzato però da un egocentrismo intellettuale che si manifesta nella tendenza a considerare reale e veritiero solo il proprio punto di vista: ciò non significa che il bambino sia egoista, ma che semplicemente dà per scontato che tutti vedano le cose come le vede lui. Il bambino è, cioè, completamente rivolto a se stesso e alla conquista delle cose: ha quindi una scarsa disponibilità alla socializzazione e non si cura di verificare l’esattezza delle sue idee e la loro corrispondenza con quelle degli altri. Infatti, quando i bambini conversano tra loro, ognuno prosegue con il proprio discorso senza tenere conto di quello che dicono gli altri, come se stessero portando avanti una sorta di monologo collettivo(2).Per il bambino, in questa fase, ogni cosa percepita o immaginata ha un carattere immediato di realtà: quello che manca ancora è la consapevolezza della sua soggettività e di tutte le implicazioni che da essa derivano. Il realismo consiste quindi in una generale indifferenziazione fra Io e non-Io, in una confusione tra mondo oggettivo e mondo interiore.Il periodo preoperatorio è infine caratterizzato anche dal ragionamento prelogico: l'egocentrismo che caratterizza le cognizioni del bambino, che fa del proprio Io il metro per interpretare l'universo, genera una visione

Anteprima della Tesi di Denis Magro

Anteprima della tesi: I bambini e l'advertising - La fruizione da parte dei bambini del messaggio pubblicitario, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Denis Magro Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12048 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.