Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Mediatore europeo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo Sezione prima Storia dell’Istituzione §1. L’Ombudsman L’istituzione dell’Ombudsman è conosciuta in tutto il mondo; secondo la Presidenza dell’International Ombudsman Institute a tutt’oggi ve ne sono operanti in più di 75 Paesi, anche se noti con nomi differenti 1. Etimologicamente “Ombudsman” è colui che è abilitato ad agire per altri, può essere, altrimenti, definito come un organo esterno di controllo nei confronti dell’amministrazione, situato ai margini delle procedure abituali di ricorso nonché incaricato di fornire almeno un avviso su questioni che vedono opposti il servizio pubblico ai suoi utenti 2 . Ma che cosa vuol dire più specificamente “controllo”? Indica un particolare esame volto a rivedere, vigilare o riscontrare la regolarità di una funzione esercitata da un soggetto diverso da colui che pone in essere il controllo stesso 3. 1 http://www.law.ualberta.ca/centres/ioi vedi, infra, il par.4. 2 http://www.comeur.it/ineuropa/002/5.htm 3 Questo termine è di origine francese: “le contre-role” indicava il contro-ruolo, o doppio registro, in cui erano iscritti i dati relativi a tributi, agli elenchi di prestazione di opere ed agli inventari; inoltre il “contre-role” stava ad indicare quella attività di riesame attuata secondo preesistenti parametri di valutazione e finalizzata alla erogazione della misura sanzionatoria dell'annullamento dell’atto; è stato poi merito della scienza giuridica anglosassone l’aver esteso il significato del termine controllo fino a ricomprendervi, oltre al cosiddetto “controllo-verifica” della regolarità dell’esercizio di una funzione, anche l’ipotesi di cd. “controllo impulso o di direzione”, caratterizzati da una funzione-guida o di indirizzo della stessa attività esercitata. Aa. vv., Diritto amministrativo, Monduzzi editore, 1999, pagg.583, 663. Puglisi: “Il difensore civico e l’evoluzione dei controlli amministrativi”, in: www.cahiers.org/Osservatori/1/2000/OTTOBRE/dif_civ_contr_amm_puglisi.html; 1

Anteprima della Tesi di Marco Scanferla

Anteprima della tesi: Il Mediatore europeo, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Scanferla Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3375 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.