Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rapporto di lavoro e lesione della dignità umana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I 10 riconoscendo al giudice il potere di determinare direttamente tale retribuzione sulla base dei criteri stabiliti dalla Costituzione. Nell’ambito stesso della classe lavoratrice, la Costituzione garantisce una speciale tutela agli elementi più deboli e quindi più bisognosi di protezione, cioè alle donne e ai minori. Le donne hanno diritto, a parità di lavoro, alle stesse retribuzioni che spettano ai lavoratori ed inoltre le condizioni di lavoro devono consentire loro di adempiere alla loro funzione familiare, assicurando alla madre e ai bambini una speciale ed adeguata protezione. Per quanto riguarda, invece, il lavoro minorile , la Costituzione affida la regolamentazione e la tutela di questo a norme speciali,limitandosi a fissare il principio della parità di retribuzione . Infine come disposizione a tutela dei lavoratori può citarsi l’art. 38 della cost., che mira a porre i lavoratori al riparo da rischi che, attesa la loro situazione sociale, appaiono per loro di particolare gravità, riconoscendo ad essi il diritto a che siano previsti e assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita, in caso di infortunio, malattia, invalidità, vecchiaia e disoccupazione. Accanto alle disposizioni costituzionali a tutela del lavoro si pongono alcune disposizioni che fanno riferimento alla dignità umana: si tratta dell’art. 3, nel quale è disposto che “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale”; dell’art. 41, a norma del quale “l’iniziativa economica privata è libera, ma non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da arrecare danno alla sicurezza, alla libertà e alla dignità umana” e dell’art. 36, nel quale è sancito il diritto del lavoratore ad una retribuzione equa e sufficiente ad assicurare a sé e alla propria famiglia una esistenza libera e dignitosa. In realtà sono molte di più le disposizioni della Costituzione nelle quali si fa riferimento alla dignità umana, sebbene in modo implicito e riguardo a situazioni che fuoriescono dalle nostre tematiche: in dottrina

Anteprima della Tesi di Valeria Mirco

Anteprima della tesi: Rapporto di lavoro e lesione della dignità umana, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valeria Mirco Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12912 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.