Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Acquisto e possesso di azioni proprie e della controllante: motivazioni e riflessi sul bilancio d'esercizio e consolidato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

a. una parte della dottrina 2 sostiene che l�acquisto di azioni proprie � una mera operazione di de�finanziamento che comporta sempre un rimborso di capitale proprio, b. altra parte della dottrina 3 , invece, considera l�acquisto di azioni proprie come una vera � propria operazione di investimento. Per semplicit� espositiva, nell�esame delle due teorie, omettiamo le implicazioni legislative, le quali saranno ampiamente esaminate nel Capitolo II. Secondo i sostenitori della teoria sub a), le azioni proprie possedute dalla societ� emittente non hanno valore per se stesse anche se per esse sussistono sul mercato quotazioni correnti e possono essere rivendute a scadenza pi� o meno breve. Se cos� non fosse in caso di aumento reale del capitale sociale si potrebbe verificare un aumento fittizio, posto in essere per mere ragioni di immagine o per ottenere maggior credito, con relativo annacquamento dello stesso. Infatti se le azioni proprie fossero una componente patrimoniale dell�attivo, la societ� che le detiene, nel momento in cui decide di emettere nuove azioni, sarebbe legittimata sul piano economico a sottoscrivere, in tutto o in parte, i titoli di nuova emissione, e quindi di rappresentarle tra le attivit� di bilancio. Estremizzando, anche gli stessi soci, potrebbero utilizzare le loro azioni come bene da conferire nella societ�. Si avrebbe in questo caso l�assurdo che gli aumenti di capitale si autoalimentano senza alcun limite e senza dar luogo all�apporto di nuovi beni nella societ�. 2 Tra gli aziendalisti che propendo per questa teoria troviamo: M. FANNI, L. COSSAR, Il metodo contabile, I edizione, Roma, La Nuova Italia Scientifica, 1994; B. DE ROSA, L’acquisto di azioni proprie: i risvolti contabili e di bilancio, Amministrazione & Finanza, n. 5/1998, pag. 5. 3 Tra gli autori che sostengono questa seconda teoria troviamo: F. LIZZA, L’acquisto, op.cit.; A. PARIS, Le azioni proprie: tipologie delle operazioni e le loro finalità, Siena, Copisteria Emmeci, 1990.

Anteprima della Tesi di Cristian Pietrini

Anteprima della tesi: Acquisto e possesso di azioni proprie e della controllante: motivazioni e riflessi sul bilancio d'esercizio e consolidato, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Cristian Pietrini Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9843 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.