Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione delle risorse umane e i sistemi Erp: il caso Oracle Hr

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Oracle HRMS 14 5 Inserire il nome del segmento che si desidera definire. Il nome del segmento deve iniziare con una lettera e può contenere solo lettere, numeri, spazi o caratteri di sottolineatura (_). Indicare se possibile utilizzare questo segmento del flexfield, abilitando la casella di controllo Abilitato. Il flexfield non visualizza i segmenti disabilitati. È’ possibile definire tanti segmenti quante sono le colonne di segmento definite nella tabella delle combinazioni di flexfield chiave. Per proteggere l'integrità dei dati, è opportuno non disabilitare un segmento se è già stato utilizzato per inserire i dati. 6 Selezionare il nome della colonna che si desidera utilizzare per il segmento del flexfield. Se si sta definendo contemporaneamente più di un segmento nella stessa struttura, accertarsi di utilizzare colonne univoche per ciascun segmento. Se si tenta di utilizzare una singola colonna per più segmenti nella stessa struttura, non è possibile salvare le modifiche o compilare la struttura. Le colonne scelte per i segmenti vengono visualizzate nell'elenco dei valori solo dopo aver salvato i dati. 7 Inserire il numero di segmento per questo segmento. Questo numero indica la posizione relativa in corrispondenza della quale questo segmento appare in una finestra del flexfield. Un segmento con un numero basso appare prima di un segmento con un numero più alto. I segmenti dipendenti devono essere inseriti dopo il segmento dal quale dipendono nella finestra del flexfield. Se viene inserito un numero di segmento già definito per il flexfield, viene visualizzato un messaggio di avvertenza. Tale messaggio rappresenta solo un promemoria indicante che il numero di segmento è in uso. Se si tenta di congelare un flexfield in cui due segmenti condividono lo stesso numero di segmento, il flexfield non viene compilato. Per la maggior parte dei flexfields, se ai segmenti vengono assegnati numeri separati da ampi intervalli (ad esempio 10, 20, 30 ...) indicanti le loro posizioni relative, è possibile aggiungere i segmenti alla struttura in modo più semplice. 8 Indicare se questo segmento deve apparire nella finestra del flexfield. Se non viene visualizzato, è opportuno specificare un valore ed un tipo predefiniti in modo che l'utente non deve inserire un valore per questo segmento. Se non viene visualizzato un segmento e non si specifica un valore predefinito, quando si utilizza questo flexfield potrebbero apparire messaggi di errore 9 Definire il Value Set del flexfield. Il Value Set determina il tipo di valori che l’utente può scegliere per ogni segmento. Gli attributi del Value Set controlleranno il tipo di valori che potranno essere immessi e quanti caratteri ogni segmento può contenere. Se non si sceglie un insieme di valori, il segmento si comporterà come se stesse utilizzando un insieme di valori con convalida di tipo Nessuno, tipo di formato Car, la stessa larghezza della colonna relativa al segmento del flexfield chiave di origine, caratteri alfabetici maiuscoli e minuscoli e senza giustificazione a destra o zeri iniziali o finali. Per compilare il flexfield, è necessario utilizzare un insieme di valori per tutti i segmenti la cui colonna di origine non è Car.

Anteprima della Tesi di Cassio Izzo

Anteprima della tesi: La gestione delle risorse umane e i sistemi Erp: il caso Oracle Hr, Pagina 9

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Cassio Izzo Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6777 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.