Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Specie rare della malacofauna marina mediterranea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 I Molluschi sono il phylum più numeroso del benthos marino, con circa 1600 specie nelle acque italiane (Bedulli et al. 1995a; 1995b; 1995c; Bello 1995; Bodon et al. 1995), e mostrano una ricchezza specifica incomparabile con quella di qualsiasi altra regione del Mediterraneo (Da: Chemello et al. 2000). Su vasta scala quindi, questo taxon ha una grande potenzialità nel campo della descrizione della biodiversità. I dati utilizzati fanno parte del progetto di “Censimento della Malacofauna Marina Italiana”. Tale programma è concepito in analogia al British Marine Census promosso dalla British Conchological Society ed ha iniziato la sua fase realizzativa nel 1982 grazie un gruppo di ricercatori facenti capo a varie università, ed al patrocinio e coordinamento dalla SIM (Società Italiana di Malacologia). In quell’anno, il gruppo di ricercatori composto da Daniele Bedulli, Bruno Dell’Angelo, Piero Piani e Gianni Spada produsse la prima pubblicazione scientifica sul progetto (Bedulli et al. 1982). Gli enti che hanno collaborato con la SIM alla raccolta e archiviazione dati sono il Dipartimento di Biologia Evolutiva e Funzionale dell’Università di Parma e il Centro Ricerche Ambiente Marino (CRAM) dell’ENEA (Ente per le Nuove tecnologie, l’Energia e l’Ambiente); a questi dati sono stati aggiunti quelli ottenuti con le campagne di campionamento ENEA e PRISMA II (Progetto di Ricerca e Salvaguardia del Mare Adriatico) svoltesi rispettivamente lungo le coste pugliesi e nell’Adriatico settentrionale. Le località in cui si é condotto il campionamento sono denominate “stazioni” e sono distribuite lungo transetti allineati all’incirca alla stessa latitudine a profondità comprese tra 5 e 100 m. I campioni di macrobenthos sono stati ottenuti per mezzo di una benna Van Ven da 0,1 m 2 utilizzata per 5 o 10 repliche in ogni stazione. Il materiale così ottenuto é stato passato attraverso un setaccio con maglie di 1 mm in modo da separare il sedimento dagli organismi bentonici. Il record costituisce l’unità base per le analisi svolte durante il presente studio. In totale sono stati archiviati ed analizzati 19.226 records relativi a 901 specie campionate dal 1/1/58 al 31/12/1998.

Anteprima della Tesi di Alberto Bertelli

Anteprima della tesi: Specie rare della malacofauna marina mediterranea, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Alberto Bertelli Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1311 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.