Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Compressione object-based del segnale video mediante trasformata Wavelet

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1. CODIFICA VIDEO 12 Quantizzazione Vettoriale Il caso piu´ generale di quantizzazione e´ la quantizzazione vettoriale. Per questa tecnica non si analizza il singolo simbolo, ma gruppi di simboli. Questa tecnica puo´ essere interpretata anche come un’estensione naturale della quantizzazione scalare. In una quantizzazione scalare viene considerato un singolo simbolo alla volta; tale simbolo apparterra´ ad una cella sottoinsieme di un spazio monodimen- sionale (intervallo (a, b)), e verra´ approssimato con un valore opportunamente scelto in base alla cella di appartenenza. Nella quantizzazione vettoriale i simboli x considerati, che sono il raggruppamento di n simboli consecutivi x, assumono valori in un insieme di uno spazio n-dimensionale. Anche in questo caso il sim- bolo x viene approssimato con un opportuno valore14. La scelta del valore con cui approssimare il simbolo X dipende dalla sua posizione, e piu´ precisamente dipende dalla sua appartenenza ad una regione di decisione15. Anche la quantiz- zazione vettoriale puo´ essere regolare se verifica le proprieta´ 1.2.2 estese al caso n-dimensionale: • Ri e´ una regione connessa • yi ∈ Ri Non avendo piu´ i vincoli strutturali della quantizzazione scalare le prestazioni ottenute saranno in generale migliori. L’esempio in Figura 1.4 mostra l’efficacia di una quantizzazione vettoriale rispetto ad una scalare. Nel disegno e´ rappresentata su un piano la densita´ di probabilita´ di due simboli consecutivi che si suppone uniforme nella zona in grigio. Nella figura a sinistra viene usata una quantizzazione scalare uniforme applicata prima su un simbolo e poi sul successivo mentre nella figura a destra viene applicata una quantizzazione vettoriale direttamente sui due simboli. Come si puo´ notare l’azione combinata della quantizzazione scalare applicata a due simboli consecutivi fa si che si distin- guano 64 celle di cui solo 32 realmente utilizzate mentre con la quantizzazione vettoriale il numero di celle individuate e´ 32 (solo quelle necessarie). A parita´ di dimensione della cella (cioe´ a parita´ di distorsione) per la quantizzazione scalare 14Viene ancora associata una parola codice, solo che, questa volta, fa riferimento ad un vettore appartenente allo spazio n-dimensionale considerato. 15 Il concetto di regione di decisione Ri nella quantizzazione vettoriale e´ l’estensione della regione di decisioneRi della tecnica scalare e cioe` un sottoinsieme di

Anteprima della Tesi di Stefano Giugliano

Anteprima della tesi: Compressione object-based del segnale video mediante trasformata Wavelet, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Stefano Giugliano Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2912 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.