Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Compressione object-based del segnale video mediante trasformata Wavelet

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1. CODIFICA VIDEO 7 nerale viene raggiunto solo asintoticamente all’aumentare di n. Dalla particolare struttura dell’algoritmo di Huffman si deduce che la complessita´ computazionale cresce esponenzialmente con il numero di simboli da codificare congiuntamente. Questa particolare caratteristica, unita all’elevata sensibilita´ dell’algoritmo alla perfetta conoscenza delle probabilita´ dei simboli di sorgente porta, in molti casi, a preferire una tecnica alternativa. Una di queste (la piu´ usata nell’ambito della compressione di immagini o sequenze video) e´ la codifica aritmetica. Essa ha come suo principale vantaggio una bassa complessita´ computazionale. Si considera un segmento di lunghezza unitaria e lo si suddivide in un numero di segmenti pari al numero di simboli dell’alfabeto di sorgente. Ogni segmento si avra´ una lunghezza li pari alla probabilita´ del simbolo a cui e´ associato. In ma- niera simile, ciascun segmento si e´ ulteriormente suddiviso in segmenti si,j la cui lunghezza relativa li/j = li,jli e´ pari alla probabilita´ del simbolo xj (secondo simbo- lo trasmesso) condizionata al simbolo che lo precede xi: Pr(xj/xi). Si ripete tale ragionamento un numero di volte pari alla lunghezza N del blocco da codificare (vedi Figura 1.2). Si puo´ dimostrare che se si individua il centro del segmento a cui e´ associato il blocco da codificare e si trasmette la sua rappresentazione in binario con una precisione tale da rendere univoca l’individuazione del segmento a cui appartiene, si riescono a raggiungere prestazioni asintoticamente ottime. La complessita´ di questo algoritmo cresce linearmente con la lunghezza del blocco da codificare. Infatti, e´ sufficiente suddividere ulteriormente ciascun segmento per passare dalla codifica di blocchi di lunghezza N alla codifica di blocchi di lunghezza N + 1. Nella codifica di Huffman, invece, per passare da blocchi di lunghezza N a blocchi di lunghezza N + 1 si deve ripetere tutto l’algoritmo da capo per ricostruire un nuovo albero. Un altro punto di forza di questo algoritmo e´ la minor sensibilita´ agli errori di stima delle probabilita´ dei simboli di sorgente. A B C D A B C D A B C D Figura 1.2: Codifica Aritmetica.

Anteprima della Tesi di Stefano Giugliano

Anteprima della tesi: Compressione object-based del segnale video mediante trasformata Wavelet, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Stefano Giugliano Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2912 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.