Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

E-procurement per beni e servizi nella pubblica amministrazione: un'analisi di fattibilità nel settore sanitario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Cap. I - La razionalizzazione degli acquisti di beni e servizi della P.A ™ ampliamento dell’ambito di coloro che possono essere intesi come utenti finali del servizio pubblico: i cittadini, le imprese, le associazioni, le aggregazioni di cittadini, le associazioni di imprese; nasce quindi l’esigenza di avviare processi di diversificazione della domanda. Coerentemente con i fenomeni evidenziati, sono state rapidamente emanate diverse norme con una comune logica di base: la razionalizzazione degli acquisti della Pubblica Amministrazione, in pratica, la realizzazione di un processo di approvvigionamento che consenta di minimizzare i costi e, nel contempo, migliorare la qualità dei servizi offerti dalle amministrazioni e snellire le procedure di acquisto. A inizio secolo, cominciava già a farsi sentire questa esigenza, che venne affrontata con l’elaborazione di semplici modelli di monitoraggio dei prezzi, rielaborata nel tempo, fino ad accogliere, con la legge finanziaria del 2000, un ulteriore fattore chiave: la volontà di inserire e utilizzare, da parte delle Amministrazioni, le nuove tecnologie e le Information and Communication Technologies (ICT) che, pur prospettando enormi vantaggi, richiedono, da parte degli operatori, un impegno costante per l’aggiornamento e l’utilizzazione. In questo capitolo si evidenzia l’evoluzione dell’approccio al processo di razionalizzazione degli acquisti pubblici, e il confronto con alcuni modelli internazionali (Francia, Stati uniti, Inghilterra) che per l’Italia hanno costituito lo spunto per la costruzione di una soluzione che soddisfi le esigenze degli utenti dei servizi pubblici italiani; infine viene analizzato l’approccio italiano all’utilizzo dell’ICT, attraverso l’applicazione del Piano d’Azione dell’e-government.

Anteprima della Tesi di Silvia Giancristofaro

Anteprima della tesi: E-procurement per beni e servizi nella pubblica amministrazione: un'analisi di fattibilità nel settore sanitario, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Giancristofaro Contatta »

Composta da 266 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5669 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.