Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fondazioni bancarie e attività culturali. Il caso Fondazione Cassamarca di Treviso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il patrimonio contabile complessivo delle fondazioni bancarie del 2001 18 ammontava ad oltre 36 miliardi di euro; questo valore potrebbe, però, essere corretto a oltre 48 miliardi di euro, se si considera il maggior valore delle partecipazioni, valorizzate in base al patrimonio netto risultante dai rispettivi bilanci delle banche al 31/12/2001, per le interessenze 19 bancarie non quotate, ed al valore di borsa a fine 2001, per quelle quotate. Nel 2001 20 , l'ammontare deliberato per le erogazioni è stato pari a 971,3 milioni di euro, attraverso 21.428 interventi, all’interno dei quali e' da segnalare, per quanto concerne le attività svolte dalle singole fondazioni, la predominanza dei progetti realizzati all'interno della regione di appartenenza (95% del totale erogato, di cui il 79% nell'ambito della propria provincia), continuando così lo stretto rapporto con il territorio proprio delle banche dalle quali derivano, rapporto che non è mai venuto a mancare, neppure dopo l’erogazione della legge che ha scorporato le fondazioni dalle banche, ossia la legge30/07/1990, n. 218. L’attività di gestione del patrimonio e di erogazione svolta nel 2001 21 dalle Fondazioni, nonostante una diminuzione della redditività dal 5,5% al 4,9%, conseguente all’andamento dei mercati finanziari, ha confermato i risultati positivi già ottenuti nel precedente esercizio, consentendo di destinare 954 milioni di euro all’attività erogativa e 130 milioni di euro ai fondi speciali per il volontariato (in base alla legge 266/91). L’attività erogativa evidenzia una fortissima concentrazione in termini dimensionali, settoriali e geografici e conferma, come negli anni precedenti, la massima attenzione alle domande provenienti non solo dalla società civile, ma anche dai soggetti pubblici, in primo luogo, 18 I dati si riferiscono a quanto esposto nel Settimo rapporto sulle fondazioni bancarie, realizzato dall’ACRI nel 2002. 19 Una interessenza è una “partecipazione agli utili di un’azienda gestita da altri o di un affare”, definizione tratta dal Dizionario Garzanti della lingua italiana. 20 I dati provengono dal Sesto rapporto sulle fondazioni bancarie, realizzato dall’ACRI nel 2001. 21 I dati si riferiscono a quanto esposto nel Settimo rapporto sulle fondazioni bancarie, realizzato dall’ACRI nel 2002.

Anteprima della Tesi di Arianna Miazzo

Anteprima della tesi: Fondazioni bancarie e attività culturali. Il caso Fondazione Cassamarca di Treviso, Pagina 14

Laurea liv.I

Facoltà: Economia e conservazione dei beni culturali

Autore: Arianna Miazzo Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5011 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.