Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concetto di guerra in Graziano e Tommaso d'Aquino

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

riflessione preliminare proprio sul significato e sulle accezioni del termine bellum nelle Sacre Scritture, utilizzano lo stesso metodo d’indagine già sperimentato per Graziano e S. Tommaso. Come risultato di questa ricerca introduttiva, confrontando il significato e le interpretazioni del concetto di guerra, di particolari eventi bellici circoscritti all’antico mondo ebraico o le esortazioni a mettere in pratica alcune virtù, come la mansuetudine o il valore guerriero, ho avuto il riscontro di particolari differenze tra Antico e Nuovo Testamento. Tutto ciò è stato profondamente produttivo, nella misura in cui le medesime discrepanze di valori, presenti anche all’interno del Nuovo Testamento, sono state avvertite e sfruttate dai due autori presi in esame, che le hanno portate come prove a carico per dimostrare i propri argomenti, che, nella maggior parte dei casi, si risolvono nella propensione a posizioni belliciste e alla giustificazione della guerra, a patto che siano operanti determinate condizioni. Mi si potrà obiettare: tutto questo, Agostino, Graziano, Tommaso, il Medioevo, in che modo hanno attinenza con il presente, con l’11 settembre, con il pericolo terroristico che sembra sfuggire anche agli invincibili servizi segreti americani, con la guerra in Afghanistan? Io rispondo: parlare della guerra, di qualsiasi guerra, delle giustificazioni che appartengono a una millenaria tradizione, nella quale si tentava persino di renderla compatibile con il compito d’amore di un cristiano, può servire a farsi consapevoli dell’inapplicabilità di tali giustificazioni a un presente in cui la pace è ormai tregua tra le guerre, in cui si assiste a una radicale trasformazione dei mezzi bellici, in cui le più grandi potenze mondiali hanno a disposizione micidiali armamenti nucleari e batteriologici. Che senso ha ormai parlare di una giusta guerra di difesa, quando l’evoluzione dei mezzi offensivi non rendono più

Anteprima della Tesi di Elisa Zanoli

Anteprima della tesi: Il concetto di guerra in Graziano e Tommaso d'Aquino, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisa Zanoli Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3083 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.