Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La formazione dell'ostetrica tra passato e presente. Dall'empirismo alla strutturazione di un curriculum - Il caso di Firenze

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE STORICA Le radici del parto sono antichissime. Che l’ostetricia esiste da sempre è dimostrato dal fatto che già gli Egiziani si occupavano di problemi ostetrici e ginecologici: è ciò che si riscontra da alcuni papiri egiziani e dalle immagini dei rilievi all’interno dei “mammisi”, le “case della nascita”, riservate probabilmente al parto della regina madre, che confermano la presenza di donne intorno alla partoriente, accoccolata su dei mattoni 1 . Nella Bibbia si legge che quando il faraone ordinò alle levatrici ebree di uccidere tutti i nati maschi, queste risposero: “Le donne ebree non sono come le egiziane: sono piene di vitalità: prima che arrivi presso di loro la levatrice, hanno già partorito! Dio beneficò le levatrici.il popolo aumentò e divenne molto forte.” 2 Come in Egitto, anche nell’antica Grecia e nell’antica Roma erano presenti le levatrici, mentre i medici intervenivano solo nelle situazioni gravi e disperate. Nel Corpus Hippocraticum, ad esempio, sono contenuti testi che riguardano l’ostetricia e la ginecologia: accanto a nozioni di anatomia e fisiologia, si trovano numerose osservazioni di clinica e prescrizione terapeutiche. Il parto avviene per iniziativa del feto: al termine della gravidanza, il feto ha raggiunto uno sviluppo tale da rendere impossibile alla donna di poterlo nutrire, quindi, con la forza dei suoi muscoli, rompe le membrane e con la sua esclusiva vitalità viene all’esterno. Non si parla della dilatazione dell’orifizio uterino, ma soltanto dell’azione del feto che allarga l’utero durante il suo passaggio. L’assistenza al parto è esclusivamente affidata all’ostetrica, che solo in casi difficili ricorreva all’aiuto del medico. 3 1 DONATELLA LIPPI, Storia della medicina, Clueb, Bologna 2002, pag.105. 2 LA SACRA BIBBIA, Esodo 1, versetto19. 3 MICHELE G. NARDI, Il pensiero ostetrico- ginecologico nei secoli, Thiele, Milano 1954, pp. 29-30.

Anteprima della Tesi di Camilla Panerai

Anteprima della tesi: La formazione dell'ostetrica tra passato e presente. Dall'empirismo alla strutturazione di un curriculum - Il caso di Firenze, Pagina 3

Diploma di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Camilla Panerai Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15449 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.