Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'area protetta quale laboratorio di sostenibilità: il caso dell'istituendo Parco del Carso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Questo semplicemente perché ciascuna di queste tre dimensioni è essenziale, se si vuole immaginare un concetto di sviluppo olistico e non più dicotomico. In passato era infatti prevalente una visione che contrapponeva in maniera netta lo sviluppo economico e l’ambiente e li considerava come due realtà inconciliabili. La novità sta proprio nel vedere il rispetto dell’ambiente come uno dei presupposti fondamentali dello sviluppo, e quindi il ruolo della questione ambientale diviene, da esogeno, endogeno. Si può ben comprendere che, tuttavia, avere assunto questi importanti paradigmi servirebbe a ben poco se ai concetti non seguissero i fatti. Un capitolo fondamentale in questo senso è stato scritto nel 1992 a Rio de Janeiro, alla Conferenza delle Nazioni Unite su Ambiente e Sviluppo (UNCED). Qui più di cento capi di stato e di governo hanno potuto discutere, per la prima volta in modo globale e sistematico, dei rapporti tra lo sviluppo socio – economico e l’ambiente. Uno dei risultati più importanti e noti del “Summit di Rio” è stata l’adozione formale dell’Agenda 21, un massiccio piano d’azione rivolto a tutta la comunità internazionale, che offre raccomandazioni e suggerimenti di carattere operativo al fine di favorire in maniera concreta il perseguimento dello sviluppo sostenibile. Benché appartenga alla sfera della “soft law”, cioè non preveda nessun obbligo giuridicamente vincolante, è l’espressione di impegno politico sulla cooperazione internazionale in tema di ambiente al più alto livello che sia mai stato raggiunto, e per questo di importanza storica mondiale (Ecoistituto, 1998). Secondo il primo concetto, produzione e consumi non sostenibili oggi possono degradare le basi ecologiche, sociali ed economiche per lo sviluppo di domani. Per il secondo, uno sviluppo non sostenibile di una o più comunità umane può compromettere le possibilità di sviluppo delle altre.

Anteprima della Tesi di Mauro Carli

Anteprima della tesi: L'area protetta quale laboratorio di sostenibilità: il caso dell'istituendo Parco del Carso, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mauro Carli Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2114 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.