Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La professionalità dell'educatore nella relazione di aiuto ai malati terminali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 pur remota di essere vulnerabile, spinge l’uomo a rifuggire la vicinanza con chi soffre. Nel secondo capitolo si parla della malattia. Come reagisce chi non può separarsi dal proprio corpo malato? Con sgomento, rifiuto, rabbia, disperazione. La malattia è attacco al corpo, che contribuisce a costruire l’identità di ciascuno e la “contiene”. Spesso compagno fastidioso e mai silenzioso della malattia è il dolore, che separa l’uomo sano da quello malato, per la sua incomunicabilità. La malattia è con speranza associata all’idea di guarigione, in un’epoca nella quale la medicina ha “escogitato scampo da mali incurabili”, come avrebbe detto Euripide. Ma ci sono malattie contro cui la medicina ha ingaggiato da anni una durissima guerra, non ancora vinta. Il tumore è una di queste malattie, anzi un insieme di malattie. Anche se già moltissimi sono i casi di guarigione di malati oncologici, ancora troppo spesso il tumore fa incontrare la morte sul percorso della vita con un notevole anticipo, come per una condanna. Il tumore rimane sinonimo di sofferenza prolungata e morte prematura: “cellule impazzite” e “giorni contati”, sono le frasi fatte più comunemente associate alle malattie neoplastiche.

Anteprima della Tesi di Paola Margheriti

Anteprima della tesi: La professionalità dell'educatore nella relazione di aiuto ai malati terminali, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Paola Margheriti Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10536 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.