Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La teoria generale di Keynes: alcune reinterpretazioni ed attualità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO I - La Teoria Generale keynesiana ‘controllo e di manovra’). In altri termini, una volta individuata nella situazione di stabilità con disoccupazione involontaria la caratteristica fondamentale dell’economia capitalistica, Keynes cerca le condizioni della permanenza dei sistemi concreti in tale situazione. A tal fine l’economista introduce alcune considerazioni riguardanti comportamenti individuali e collettivi, che assicurano rispettivamente la stabilità dei consumi e degli investimenti (e perciò del reddito), la stabilità dei salari monetari (perciò dei prezzi) e la presenza di fasi cicliche intorno ad una situazione stabile, non suscettibile di modificarsi durevolmente. Più precisamente, afferma Keynes, i comportamenti degli operatori economici non esprimono ‘tendenze naturali’, ossia leggi di necessità ineludibili, ma sono soltanto ‘fatti di osservazione’, che riguardano cioè il mondo quale è oggi e quale è stato finora e dunque modificabili. Continuando a permanere immutati, essi condannano il sistema nella descritta condizione di ‘povertà in abbondanza’, almeno fino a che non siano assunte dalle autorità di governo misure espressamente intese a correggerli. E’ possibile, insomma, modificare aspettative, motivazioni all’azione e opinioni, siano esse individuali o collettive, per raggiungere lo stato di piena occupazione. 1.2.2 “Variazioni dei salari monetari” 4 . Nel capitolo XIX della Teoria Generale Keynes discute invece degli effetti monetari provocati su reddito ed occupazione da una variazione dei salari monetari (De Vecchi, 1991). Come Kalecki, anche Keynes, analizzata criticamente la proposizione ‘classica’ secondo cui condizione affinché un sistema economico posto al di fuori dell’equilibrio di piena 4 “Teoria generale dell’occupazione, interesse e moneta” (1936), capitolo XIX.

Anteprima della Tesi di Andrea Zaio

Anteprima della tesi: La teoria generale di Keynes: alcune reinterpretazioni ed attualità, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Zaio Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10212 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.