Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione delle reti di trasporto: da Sonet/Sdh a Dwdm

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 � Introduzione a SONET/SDH ___________________________________________________________________________________________________ 12 Le reti basate su queste due tecnologie sono in grado di trasmettere dati, voce e video ad una velocit� superiore al gigabit al secondo con un�altissima affidabilit�. 1.3 Presupposti alla nascita di SONET e di SDH I presupposti che hanno favorito prima la nascita di SONET negli Stati Uniti d�America ed, in seguito, della nuova gerarchia SHD a livello mondiale si possono riassumere sinteticamente come di seguito ([2]). 1) Impiego oramai esclusivo delle fibre ottiche come mezzo fisico portante nelle reti di telecomunicazioni, sia per il trasporto che, pi� selettivamente, per la distribuzione, fino ad entrare negli edifici dei clienti che ne fanno richiesta. I motivi della vasta diffusione di questo mezzo sono noti: una bassissima attenuazione del segnale con conseguente riduzione del passo di rigenerazione, l�immunit� ai disturbi e la facilit� di posa dei cavi in fibra ottica che presentano un diametro relativamente piccolo se paragonati ai cavi multicoppie in rame. 2) Abbandono della strategia filosofica che � alla base della normalizzazione delle gerarchie PLESIOCRONE attuali (che, in realt�, risalgono agli anni �70) secondo le quali � necessario limitare al massimo la velocit� di segnalazione in linea. Al contrario, le due gerarchie SONET e SDH si basano su una trasmissione strettamente SINCRONA. 3) Possibilit�, grazie ai numerosi aspetti positivi di cui ai punti 1) e 2), di pensare a meccanismi di multiplazione con notevole impiego di ridondanza senza preoccuparsi eccessivamente del conseguente impiego di larghezze di banda. 4) Capacit� di individuare un flusso nella rete (anche alla pi� bassa velocit� di trasmissione) senza dover demultiplare completamente il segnale in

Anteprima della Tesi di Enrico Ceretto Giannone

Anteprima della tesi: L'evoluzione delle reti di trasporto: da Sonet/Sdh a Dwdm, Pagina 8

Diploma di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Enrico Ceretto Giannone Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2427 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.