Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il commercio telematico: legge regolatrice

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Paragrafo 2. LA CRISI DEL MONOPOLIO STATALE DELLA REGOLAMENTAZIONE DEI RAPPORTI TRA PRIVATI COME CONSEGUENZA DELLA GLOBALIZZAZIONE DEI TRAFFICI Internet e il commercio elettronico, che attraverso esso si sviluppa, costituiscono semplicemente l’aspetto più recente e più appariscente della globalizzazione dei traffici che ha caratterizzato il commercio internazionale in misura sempre più crescente a partire dalla seconda metà del secolo scorso. Non è dunque nuovo il problema di disciplinare situazioni non totalmente interne a un dato ordinamento. La prima risposta che gli Stati diedero a tale problematica fu quella di dotare i propri ordinamenti di un insieme di norme per disciplinare i rapporti che, in ogni settore del proprio ordinamento, non sono totalmente interni all’ordinamento stesso ovvero presentano connotati di internazionalità. Tali norme sono indicate con l’espressione diritto internazionale privato. Ma già a partire dal secondo dopoguerra si è avvertito il bisogno di norme relative ai rapporti tra privati che fossero di origine extra-statale e la stessa esigenza di concordare a livello internazionale un diritto uniforme, internazionalmente imposto, relativamente ai rapporti tra privati (2).

Anteprima della Tesi di Alberto Maria Di Alberto

Anteprima della tesi: Il commercio telematico: legge regolatrice, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alberto Maria Di Alberto Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1929 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.