Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Bilancio energetico della regione Puglia: luci ed ombre

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- 10 - L’altra fonte energetica tradizionalmente molto utilizzata è il carbone; la sua quota di mercato sta calando in maniera tendenziale (anche se rispetto al 1999 la domanda nel 2000 è cresciuta del 1%). Una spiegazione a tale inversione di tendenza è costituita dalla certezza in ambito internazionale del contributo notevole alle emissioni inquinanti di gas-serra nei processi di combustione del carbone (AA.VV., 2000). Le prospettive di impiego del gas naturale prevedono un futuro più roseo. La sua preferenza è dettata soprattutto dal fatto che il suo basso impatto ambientale la rende molto appetibile. Le previsioni riportano per tale fonte energetica un notevole aumento dei consumi nei prossimi 20 anni, sia nella parte del globo più industrializzata che in quella in via di sviluppo (Caled F., 2000). Questo aumento è ascrivibile al fatto che la stima delle riserve considerate disponibili è in continua espansione, grazie all’attività di ricerca di nuove tecnologie più convenienti nello sfruttamento dei giacimenti. Infine, analizzando i modelli di previsione della domanda mondiale di energia, che abbiamo a disposizione, si prevede che l’aumento al 2020 sarà del 57% circa (Cozzi L., 2001).

Anteprima della Tesi di Gianvito Dongiovanni

Anteprima della tesi: Bilancio energetico della regione Puglia: luci ed ombre, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianvito Dongiovanni Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1449 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.