Skip to content

Criminologia e terrorismo. L'esperienza irlandese

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
13 dal quale non stati rimossi dalle molte generazioni trascorse. Questo punto di vista sembra riconosciuto, in effetti, nella espressione comune che questi casi sono le pecore nere della famiglia.”), identificò un gran numero di “stigmate”, quali l’asimmetria facciale, alcune anomalie delle orecchie, la fronte bassa, gli zigomi sporgenti, le mascelle enormi, l’insensibilità al dolore, ecc, tipiche del “delinquente nato”. Egli tentò di verificare le sue ipotesi mediante l’osservazione di innumerevoli casi clinici, la raccolta puntigliosa ed inesauribile di reperti collegati con il mondo del crimine (quali disegni, tatuaggi, manufatti, ecc.), l’analitica descrizione di comportamenti e di situazioni particolari. Lombroso ritenne di aver trovato una spiegazione decisiva delle cause della delinquenza allorquando, nel corso dell’autopsia dl brigante Vitella, scoprì alla base del cranio una fossetta occipitale mediana, tipica degli stadi embrionali e degli animali inferiori: ”alla vista di quella fossetta - egli afferma - mi apparve d ‘un tratto come una larga pianura sotto un infinito orizzonte, illuminato il problema della natura del delinquente, che doveva riprodurre ai nostri tempi i caratteri dell’uomo primitivo giù sino ai carnivori.” 12 Attraverso i suoi studi egli costruì una teoria globale del crimine, di tipo bioantropologico, secondo la quale i delinquenti sarebbero caratterizzati da particolari anomalie somatiche o costituzionali, che sarebbero, appunto, alla base del comportamento criminale. Il “delinquente nato”, secondo i sui studi presenta caratteristiche ataviche o degenerative tipiche di uno stadio evolutivo primitivo della razza umana, tali da rendergli difficile l’adattamento alla società moderna e da spingerlo al delitto. Oltre a questo “tipo” biologico (delinquente ”fin dal grembo materno”), successivamente identificato da un lato con l’epilettico e dall’altro col “pazzo morale”, Lombroso distinse anche altri “tipi” criminali, come il ”delinquente d’occasione” (con tratti patologici attenuati cui apparteneva anche il vasto gruppo dei cosiddetti “mattoidi”), che può “evolvere” nel “delinquente d’abitudine”, ed il “delinquente per passione”, che viene spinto al delitto da un offuscamento momentaneo del senso morale. I matti delinquenti, cioè gli autori di reato malati di mente, costituiscono in quest’ottica, una varietà del delinquente nato e se ne differenziano solo per le modalità di elaborazione o di esecuzione del delitto. Nacque così l’antropologia criminale, una nuova disciplina che aggregò intorno a sé molti studiosi e molti ricercatori. 12 Lombroso C., discorso di apertura in Competes-Rendus du VI Congrès International d’Anthropologie Criminelle, Torino 1906.
Anteprima della tesi: Criminologia e terrorismo. L'esperienza irlandese, Pagina 12

Preview dalla tesi:

Criminologia e terrorismo. L'esperienza irlandese

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Massimiliano Galli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Piera Gallina Fiorentini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 207

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

criminologia
diplock courts
supergrass system
terrorismo
irish republican army
irlanda del nord

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi