Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La criminalità informatica: cyberterrorismo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

come mezzo per commettere anche quasi tutte le fattispecie criminose tradizionali, tanto da non potersi più parlare di reato informatico omogeneo e soprattutto all’inizio degli anni ‘90, lo sviluppo di internet ha permesso, accanto alle tradizionali, nuove forme di illecito, con proprie specifiche peculiarità. Ecco le principali tappe della storia di un particolare crimine informatico, quale la pirateria informatica: -Fine anni ‘70: da una frangia del movimento degli hippies nasce lo Youth International Party, che diffonde in un bollettino tecniche di pirateria telefonica: sono i phone phreak. Nel 1983 la sede del movimento viene distrutta e il sistema rubato. -1980: nascono i BBS underground, che in 28 paesi mettono in circolazione elenchi con oltre 2000 BBS pirata. In questi circuiti sono diffusi trattati come “ The Terrorist Handbook”, con formule per preparare esplosivi, informazioni di tipo informatico e telematico, elenchi di codici di ingresso in grandi elaboratori, virus. -1981: In Germania nasce il Chaos Computer Club, che diventa il punto di riferimento della pirateria informatica in Europa. - 1986-1987: gli hacker del Chaos Computer Club penetrano più volte

Anteprima della Tesi di Donato Sandro Putignano

Anteprima della tesi: La criminalità informatica: cyberterrorismo, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Donato Sandro Putignano Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 31182 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 68 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.