Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le compagnie aeree ''low cost'' negli Stati Uniti ed in Europa. Le strategie competitive di costo dei vettori del futuro

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

SEZIONE I: IL SETTORE DEL TRASPORTO AEREO 2 – L’oligopolio come struttura concorrenziale tradizionale Premesso che la realtà è più complessa di quanto il modello dell’oligopolio possa rappresentare, il quadro di fondo della competizione nel trasporto aereo sembra dato dalla struttura dell’oligopolio, cercheremo quindi di inquadrare detto modello. L’oligopolio del trasporto aereo è caratterizzato da: CONCENTRAZIONE DELL’OFFERTA Il settore presenta una forte concentrazione dell’offerta. Gli indicatori più usati per valutare la concentrazione dell’offerta sono: a) Numero di imprese. Nel traffico passeggeri se si prende come riferimento il mercato del Nord-Atlantico (il più grande in assoluto) le compagnie concorrenti non sono più di 20. Se si prende come riferimento una rotta tra due scali il numero è bassissimo, ed in alcuni casi si assiste a veri e propri monopoli. b) Esistenza della tendenza verso la riduzione del numero di imprese. Questo secondo punto è più difficile da dimostrare. Si deve distinguere tra majors e regionals 3 . Mentre per le prime la tendenza è confermata: nel ‘38 le compagnie americane certificate dal CAB (Civil Aeronautics Board) come major carriers erano 16, attualmente sono 9. Per i regionals non si può dire altrettanto. c) Poche imprese controllano una quota rilevante del mercato. Questa tendenza, se pur diminuita negli anni, sembra restare sempre valida anche in seguito alla deregulation 4 . Negli anni ‘90 American, Delta e United rappresentavano il 56% del traffico dei voli programmati americani, oggi il 40-45%. 3 Negli Stati Uniti il Department of Transportation classifica le compagnie aeree in quattro gruppi in base ai ricavi operativi di esercizio: a) major carriers, ricavi superiori a 1 miliardo di dollari; b) national carriers, ricavi tra 100 milioni e 1 miliardo; c) large regional carriers, ricavi tra 10 e 100 milioni; d) medium regional carriers, ricavi inferiori a 10 milioni di dollari. 4 Con il termine deregulation si indica la normativa che ha portato alla liberalizzazione del mercato aereo interno statunitense.

Anteprima della Tesi di Fabio Taiuti

Anteprima della tesi: Le compagnie aeree ''low cost'' negli Stati Uniti ed in Europa. Le strategie competitive di costo dei vettori del futuro, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Fabio Taiuti Contatta »

Composta da 228 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14324 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 74 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.