Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Annotazioni linguistiche: una rassegna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 Introduzione 1 INTRODUZIONE 9 Il problema delle annotazioni linguistiche potrebbe risalire, nella sua essenza, alla notte dei tempi o, almeno, alla comparsa della vita. La necessità di utilizzare un linguaggio comprensibile a tutti, sia esso visivo, gestuale, parlato o scritto, è propria di qualsiasi essere vivente. La vita è comunicazione, non è possibile parlare di vita per una qualsiasi entità se questa non entra in rapporto con l’ambiente che lo circonda, sia esso il cielo, la terra, i microrganismi, le piante, gli animali o i suoi simili. D’altro canto, la comunicazione (perlomeno quella tra esseri viventi, soprattutto animali) deve essere comprensibile; non è possibile stabilire un contatto se gli interlocutori non possono far capire, l’uno all’altro, cosa vogliono dire. È necessario un codice, anche ridotto e banale, che sia certo e accettato da entrambi i soggetti coinvolti nella comunicazione, e che faccia corrispondere a certi segni, versi, gesti dei significati chiari. La comunicazione, dunque, è l’arte di farsi capire, e ben si adatta all’istinto di conservazione che è proprio di ogni essere vivente. Urlare quando si è in pericolo, indicare la strada per il cibo, mostrare particolari atteggiamenti per corteggiare le femmine sono esempi di comunicazione che insieme soddisfano anche le necessità della sopravvivenza propria e dei propri simili. Gli esseri inanimati hanno, a loro volta, i propri mezzi per comunicare, inteso come rapportarsi all’ambiente e alle condizioni che questo offre. Un albero, ad esempio, perde le foglie per prepararsi al freddo invernale, le fa ricrescere in primavera, affida i suoi semi al vento o ad insetti ed uccelli per riprodursi. La comunicazione, però, può essere anche l’arte di non farsi capire, di nascondere, di confondere: mimetizzarsi, non muoversi di fronte al nemico, produrre veleni o “travestirsi” da animali pericolosi sono accorgimenti tipicamente usati da chi vuole sopravvivere. Sono anche questi un modo di comunicare, un rapportarsi all’ambiente ed alle situazioni che si presentano nella vita.

Anteprima della Tesi di Mattia Gentilini

Anteprima della tesi: Annotazioni linguistiche: una rassegna, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Mattia Gentilini Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 516 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.