Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Disciplina fiscale e commercio elettronico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 - il documento informatico sottoscritto con firma digitale è equiparato ad una scrittura privata (art. 2702 cod. civ.) e, dunque, fa piena prova, fino a querela di falso, della provenienza delle dichiarazioni da chi l’ha sottoscritto. Nell’ambito dei contratti conclusi tramite mezzi informatici, si usa distinguere tra le due seguenti categorie: i) contratti conclusi tramite la posta elettronica, in cui la proposta e l’accettazione viaggiano via e-mail, in modo sostanzialmente simile a quanto avviene nell’ipotesi tradizionale dei contratti conclusi per corrispondenza; ii) contratti cc.dd. “point and click”, che costituiscono una nuova categoria contrattuale, “tipica”, per così dire, del commercio elettronico: in tale ipotesi, l’utente può acquistare beni e servizi compilando un modulo elettronico e “cliccando” sul tasto o icona di accettazione. Al contraente, normalmente un consumatore, non resta che la possibilità di determinare alcune clausole, quali la quantità della prestazione o le modalità di pagamento, tra un determinato numero di opzioni 8 . La validità dei contratti “point and click” è affermata sulla base del già ricordato principio di libertà delle forme. “Cliccando” sul tasto o l’icona di accettazione 9 , l’utente pone in essere un comportamento concludente, idoneo a rivelare 8 A. PARENTI, Le peculiarità dei contratti telematico internazionali, in AA. VV., Il commercio elettronico: profili giuridici e internazionali, Milano, 2001, 33. 9 In dottrina è spesso usata, a tal proposito, la discutibile espressione “tasto negoziale virtuale” (attribuita a V. FRANCESCHELLI, Computer e diritto, RIMINI, 1989, 165. Cfr., inoltre, E. TOSI, Problemi giuridici di Internet, Milano, 1999, 17; G. FINOCCHIARO, I contratti informatici, in Trattato di diritto commerciale e di diritto pubblico dell’economia, diretto da F. GALGANO, Padova, 1997, 70 ss.).

Anteprima della Tesi di Cristiano Garbarini

Anteprima della tesi: Disciplina fiscale e commercio elettronico, Pagina 11

Tesi di Dottorato

Dipartimento: istituto di diritto finanziario

Autore: Cristiano Garbarini Contatta »

Composta da 306 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5042 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.