Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'esercizio della professione forense da parte di avvocati di common law in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

E la constatazione inoltre che in prospettiva comparatistica le medesime professioni possono avere nei vari paesi di riferimento iter formativi e tipi di prestazioni differenti rendono difficile dare una definizione comunemente accettata di “libera professione”. Le direttive comunitarie d’altro canto non hanno aiutato nella individuazione di un concetto comunitario di libera professione. Queste solitamente invece preferiscono utilizzare le definizioni più oggettive di professioni regolamentate, professioni non regolamentate, attività professionale regolamentata e attività professionale non regolamentata. La professione regolamentata viene definita come l’attività o insieme di attività professionali regolamentate che costituiscono questa professione in almeno uno Stato membro. L’attività professionale regolamentata è quella attività professionale il cui accesso in uno Stato sia subordinato al possesso di un diploma. Per attività professionale regolamentata si intende quella attività professionale esercitata dai membri di un’associazione o organizzazione che oltre allo scopo di mantenere alto il livello nel settore in questione è oggetto di riconoscimento specifico da parte dello Stato membro. Inoltre tale associazione o organizzazione rilascia ai suoi membri un diploma oltre a pretendere da loro il rispetto di un certo codice deontologico e a conferire agli stessi il diritto ad un titolo o la possibilità di beneficiare di uno status corrispondente a tale diploma. L’attività professionale non regolamentata è tale quando, e qui ci viene incontro la sentenza sul caso Aranitis 3 , nessuna disposizione di legge o amministrativa regoli nello Stato membro l’accesso alla professione , il suo esercizio o una delle sue modalità di esercizio, anche se l’unica formazione che vi conduca sia un ciclo di studi di almeno quattro anni e mezzo, sanzionato da un diploma e, di conseguenza, soltanto i titolari di tale diploma 3 CGCE, Sentenza del 1° Febbraio 1996, causa C-164/94, racc. pp. I-0135.

Anteprima della Tesi di Lorenzo Nizzi Grifi

Anteprima della tesi: L'esercizio della professione forense da parte di avvocati di common law in Italia, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Lorenzo Nizzi Grifi Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2443 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.