Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'esercizio della professione forense da parte di avvocati di common law in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

di studi superiori si presentino, di norma, sul mercato del lavoro e esercitino in detto stato tale professione. La Corte di giustizia inoltre ha inserito l’attività dei liberi professionisti tra l’attività d’impresa: è giurisprudenza pacifica che la nozione d’impresa abbraccia qualsiasi entità che eserciti un’attività economica, a prescindere dal suo status giuridico. Quindi se attività economica è da intendersi come l’offerta di beni e servizi in un determinato mercato 4 allora l’attività dei liberi professionisti avrà natura economica. Questi infatti offrono, contro retribuzione, servizi di cui si assumono i rischi finanziari connessi con l’esercizio di tale attività. Perciò il fatto che tale attività sia di natura intellettuale non la sottrae minimamente dalla sua dominante natura imprenditoriale. Impresa e attività economica vengono senza dubbio sempre intese in senso piuttosto lato; sono in ultima analisi conditio sine qua non per stabilire se l’attività di un ente o di un’autorità amministrativa sia di carattere commerciale o pubblico. La valutazione in merito a questo punto viene effettuata indipendentemente dal soggetto che esercita tale attività e viene infatti affermato 5 :« lo Stato può agire vuoi esercitando il potere d’imperio, vuoi svolgendo attività economiche di natura industriale o commerciale che consistono nell’offrire beni e servizi sul mercato » anche se « per poter fare detta distinzione ( tra impresa commerciale o pubblica N.d.T. ) è quindi necessario di volta in volta esaminare le attività svolte dallo Stato e determinare a quale categoria esse appartengano ». Nella stessa causa l’avvocato Lenz ha rilevato che :« la nozione d’”impresa” deve manifestamente essere interpretata secondo un criterio funzionale e quindi si applica senz’altro anche alle persone fisiche, purché esercitino un’attività indipendente». Ne consegue che l’attività economica consiste 4 CGCE, Sentenza del 16 Giugno 1987, causa C-118/85, Commissione/Italia, racc. p. 2599, punto 7. 5 id.

Anteprima della Tesi di Lorenzo Nizzi Grifi

Anteprima della tesi: L'esercizio della professione forense da parte di avvocati di common law in Italia, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Lorenzo Nizzi Grifi Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2443 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.