Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La circolazione dei beni culturali nella Comunità europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE L’idea di approfondire l’argomento della tutela dei beni culturali si prospetta come un interessante incontro tra gli studi di diritto e la mia passione per l’arte e per tutto ciò che è espressione e creatività dell’uomo. E’ l’occasione per ribadire il pensiero di coloro che hanno dato a questi beni, segnando delle tappe fondamentali del diritto in questa materia, un “valore di civiltà”, all’interno di un progetto personale di ricerca continua del “buono” e del “bello”. L’evoluzione delle norme di tutela a livello comunitario ed internazionale è di fondamentale importanza per l’incidenza che alcuni di questi atti hanno, ed altri possono avere, nell’ordinamento interno dei singoli Stati; inoltre, appartiene a quel desiderio di apertura e di spirito di partecipazione e di cooperazione tra i popoli, sanciti all’interno di importanti trattati e convenzioni, che sento di condividere. Uno degli aspetti fondamentali della tutela dei beni culturali riguarda la loro circolazione. E’ ormai risaputo che il destino di un’infinità di opere d’arte e oggetti di valore storico ha seguito le vicende delle guerre. Era, infatti, normale e lecito che il vincitore spogliasse dei loro beni le città conquistate e che tali beni trasmigrassero da un Paese all’altro. Attualmente sembra che il traffico d’arte sia diventato uno dei capisaldi del nuovo crimine transnazionale e che importantissimi siti archeologici vengano continuamente depredati. Le cifre riportate dai dati statistici diffusi dalle organizzazioni di tutela sono degne di un vero e proprio saccheggio e pare che il fenomeno eguagli, se non addirittura superi, il vecchio sistema del bottino di guerra. I maggiori interessati a questo problema sono i Paesi dell’area mediterranea, in quanto più ricchi di questa tipologia di beni, ed in particolar modo l’Italia. Seguono poi la Grecia, la Turchia, l’Africa Settentrionale, ma anche i Paesi dell’Europa dell’Est, specialmente la Repubblica Ceca, la Polonia e i Paesi dell’ex Unione Sovietica, dove

Anteprima della Tesi di Claudia Meneghin

Anteprima della tesi: La circolazione dei beni culturali nella Comunità europea, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Claudia Meneghin Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7021 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.