Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rapporto tra sviluppo politico e sviluppo economico: il caso argentino

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Gli stadi che Organski individua sono: la politica dell’unificazione primitiva; la politica dell’industrializzazione; la politica del benessere nazionale; la politica dell’abbondanza. • Nella prima fase dell’unificazione primitiva, l’obiettivo fondamentale del governo è cercare di raggiungere il più ampio controllo possibile, sia a livello politico sia amministrativo, sulla popolazione, in poche parole, la creazione di uno Stato nazionale, ponendo così i presupposti per la formazione di un mercato nazionale; • nella seconda fase, quella dell’industrializzazione, lo Stato e la nuova classe sociale al potere devono favorire l’accumulazione del capitale necessario per lo sviluppo proprio dell’industrializzazione, anche se ciò comporta elevati costi sociali per la popolazione; • nel terzo stadio, il compito primario è quello di alleviare i costi sociali imposti alle masse nella seconda fase, attuando quelle che potremmo definire “politiche di stato sociale o welfare” miranti a garantire la prosperità economica, una sua maggiore diffusione tra la popolazione e, soprattutto, una riduzione del numero degli indigenti. • l’ultima fase, sicuramente la più complessa, ha la funzione di governare alcune contraddizioni del processo di modernizzazione, come la disoccupazione di massa e la concentrazione del potere economico e politico. E’ dunque il passaggio dalla società tradizionale alla società moderna il tema principale della teoria della modernizzazione la quale si sforza di individuare quegli elementi, quei requisiti o fattori che possono favorirne la realizzazione. La maggior parte degli studiosi afferma che i valori, le istituzioni e gli schemi d’azione della società tradizionale sono sia espressione sia causa del sottosviluppo e costituiscono il principale ostacolo nella via per lo sviluppo. Per entrare nel mondo moderno, le società sottosviluppate devono superare le norme e le strutture tradizionali aprendo la via alle trasformazioni politiche, economiche e sociali. In generale, la fonte primaria che rende possibile il cambiamento è da ricercarsi nell’innovazione, cioè, nel rigetto delle procedure legate alle istituzioni tradizionali, insieme all’adozione di nuove idee, tecniche, valori e organizzazioni. Queste assunzioni, inoltre, partono dal presupposto che il fattore che ha dato l’incipit al processo di modernizzazione nei paesi ora sviluppati è stato il risultato di endogene trasformazioni culturali e istituzionali. A questa tesi si contrappose “l’approccio diffusionistico” che accusa la visione tradizionale dello sviluppo di considerare questo processo esclusivamente come un processo reso possibile da fattori endogeni e di trascurare invece la possibilità che il cambiamento nei paesi in via di sviluppo potesse essere favorito anche da fattori esogeni, cioè, dalla diffusione di istituzioni e valori moderni dei primi paesi modernizzati.

Anteprima della Tesi di Roberto Locci

Anteprima della tesi: Rapporto tra sviluppo politico e sviluppo economico: il caso argentino, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Roberto Locci Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3617 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.