Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Saba prima del ''Canzoniere'': ''Poesie'' (1911)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 sonetti, dei quali tre fanno parte della “corona” Ad A. G. Schlegel, due della “corona” A mia madre e ben undici della “corona” A C. S. C’è da rilevare che una sezione Sonetti non compariva nell’edizione di Heine e che all’interno della “corona” A C. S. compaiono dei sonetti che originariamente non ne facevano parte. Quindi, è facile dedurre che queste “corone” non sono che un insieme di sonetti riuniti artificialmente. 1.2.5 Betteloni. È autore di parecchie “corone” di sonetti anche Betteloni, un poeta spesso dimenticato e trascurato dalla critica, perché difficilmente inquadrabile all’interno di una corrente o di un movimento letterario 7 , il quale però per certe caratteristiche linguistiche della sua “poesia che nasce dalla viva realtà quotidiana [e introduce] da noi quei modi poetici che tanto l’avevano colpito giovinetto nello Heine” (BONFANTINI, 1946: XV) può essere avvicinato a Saba. Nel volume Poesie edite e inedite (BETTELONI, 1946) curato da Mario Bonfantini per Mondadori, che raccoglie tutta la produzione poetica del Betteloni, compaiono quattro “corone” di sonetti: Per una signora composta da 50 sonetti, Per un amico estinto composta da 3 sonetti, L’illusione composta da 3 sonetti e infine Aprile nuovo composta da 3 sonetti. I sonetti Per una signora, costituiscono la terza parte della raccolta poetica In primavera del 1869; tuttavia più che di una sezione autonoma di componimenti tra loro slegati, si tratta davvero di una “corona” di sonetti fortemente omogenea, con un suo svolgimento diacronico, talora interrotto da poesie che costituiscono una sorta di parentesi nel continuum della narratio. Sono frequenti i legami lessicali fra sonetti contigui, come ad 7 “C’è chi lo collega alla poesia della Scapigliatura e, più largamente, alla cosidetta [sic.] «scuola verista» [...] c’è chi lo fa precursore della moderna poesia crepuscolare e decadentista [...] altri infine gli assegna un posto a sé, parlando di lui come d’un «classico moderno»” (BONFANTINI, 1946: XI-II).

Anteprima della Tesi di Cristina Gavagnin

Anteprima della tesi: Saba prima del ''Canzoniere'': ''Poesie'' (1911), Pagina 16

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristina Gavagnin Contatta »

Composta da 339 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7386 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.